Le Università italiane arrancano

Sul sito TopUniversities è stata pubblicata la graduatoria Quacquarelli Symonds World University Ranking che mette in ordine le migliori 700 Università al mondo.

L’indice generale elaborato tiene in considerazione la reputazione accademica, la reputazione dei datori di lavoro, le citazioni, il numero di studenti e il livello di internazionalizzazione.

La classifica complessiva vede al vertice – neanche a dirlo – il prestigioso MIT del Massachussets, seguito dalle Università di Cambridge, Harvard, Londra (University College), Oxford, Londra (Imperial College), Yale, Chicago, Princeton e California (Caltech).

E le italiane? Tra le prime 200 solo Bologna (al numero 194, nel 2011 era al 183). A seguire troviamo La Sapienza (216), il Politecnico di Milano (244), la Statale di Milano (256), l’Università di Padova (298) e poi Pisa (314) e Torvergata Roma (336). Le altre occupano posizioni dalla 400 in su.

Penalizza fortemente il sistema universitario italiano in questa classifica l’elevato numero di studenti per facoltà.

Un po’ meglio i risultati registrati nella classifica che tiene conto solo dell’apporto offerto alla ricerca scientifica (6 italiane tra le prime 200).

Sul sito sono disponibili le classifiche anche per i diversi ambiti universitari.

 


Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

franco has 624 posts and counting.See all posts by franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pin It on Pinterest