Siemens Italia, il 2014 chiude nel segno della stabilità

Il 2014 non sarà ricordato come l’anno dei record per Siemens Italia: “La crisi non ci sta abbandonando e lo scenario macroeconomico mostra pochi segni di stabilità”, sottolinea Federico Golla, Presidente e Amministratore Delegato di Siemens SpA (in foto). In questo scenario il fatturato di 1.745 milioni (-1% rispetto all’anno fiscale 2013) registrato dal Gruppo può essere considerato un risultato non negativo. Meno incoraggiante invece l’andamento degli ordini, in calo del 6% sullo scorso anno, a quota 1.726 milioni.

Il segno meno ha riguardato soprattutto il comparto Energy, mentre vanno segnalate le buone performance di tutte le business unit che precedentemente costituivano il settore Industry, che rappresenta ancora quasi la metà del fatturato complessivo. Particolarmente bene sono andati i business Drives e Large drives, cresciuto soprattutto grazie all’export, e del Software industriale.

Per il gruppo Siemens nel suo insieme è un periodo di importanti cambiamenti: a maggio 2014 è stato ridefinito il posizionamento strategico del Gruppo a livello globale secondo i dettami della “Strategia Vision 2020“, che prevede una focalizzazione delle attività in tre aree: elettrificazione, automazione e digitalizzazione, tutte previste in crescita nel breve-medio periodo. Contemporaneamente sono stati confermati i settori applicativi di principale interesse: generazione di energia, automazione della rete di distribuzione, mobilità urbana efficiente, industry 4.0, industria di processo, heathcare. L’acquisizione del business delle turbine di Rolls Royce e l’operazione Dresser Rand (compressori, turbine e motori per l’Oil & Gas) così come le dismissioni nel settore clinico, diagnostico, nell’audiologia, nel trattamento delle acque, nel settore della lavorazione dei metalli e in quello degli elettrodomestici sono i primi frutti della nuova strategia.

 

Siemens in Italia dispone di due siti produttivi – a Cairo Montenotte (SV), dove si producono trasformatori di misura in alta tensione, e a Trento per i trasformatori di potenza in olio – e sei centri di competenza globali: a Scorzè (VE) per le prove di tenuta delle apparecchiature elettriche; a Bologna per il packaging; a Cairo Montenotte (SV) per i trasformatori di misura; a Genova per il MES; sempre a Genova per l’energy automation; a Milano per l’e-mobility.

Questo articolo Siemens Italia, il 2014 chiude nel segno della stabilità è stato pubblicato originariamente su Automazione Plus.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

franco has 624 posts and counting.See all posts by franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pin It on Pinterest