L’integrazione tra CNC e Robot secondo Mitsubishi

Due gli highlight della presenza di Mitsubishi Electric nel padiglione 11 della trentesima edizione della Bi.Mu. La prima è la presentazione al pubblico italiano della nuova famiglia di controlli numerici M8; la seconda è una demo che dimostra l’integrazione semplice tra CNC e controllo robot grazie alle tecnologie Mitsubishi e alla comunicazione CC-Link. Vediamoli in dettaglio.

Nuovi CNC offrono migliori performance e HMI intuitiva

La nuova famiglia di CNC serie M8 è composta da tre modelli: M80, M8ooS e M800W. Rispetto alla generazione precedente (M700V), l’elaborazione del programma CNC è 1,6 volte più veloce; anche la CPU dedicata al controllo logico è migliorata e supporta l’elaborazione ad alta velocità di programmi ladder molto articolati. Infine, l’impiego della fibra ottica (SSCNET III) per la trasmissione dei dati massimizza la velocità di comunicazione tra CNC e azionamenti e permette di perfezionare reattività dei sistemi e precisione delle lavorazioni.

La gestione dei programmi è semplificata dal display touchscreen capacitivo, che permette di adottare un’operatività simile a quella di smartphone e tablet, e da un’interfaccia utente intuitiva: le icone facilmente assegnabili presenti sul display permettono di richiamare in modo rapido importanti funzioni e menu operativi, le icone utensili mostrano la geometria dell’utensile, il suo stato e la direzione delle punte, mentre la funzionalità di check grafico in 3D supporta una simulazione grafica tridimensionale avanzata per testare anche i programmi di lavorazione più complessi.

L’M80, con pannelli da 8.4″, 10.4″ e 15″, è l’entry level della gamma, compatto e cost-effective. Per applicazioni più complesse c’è invece l’M800 nelle due declinazioni “S” (10.4″ e 15″) e “W” (15″ e 19″). Entrambe le versioni offrono le medesime performance, ma la versione W offre anche un PC industriale con Windows che permette all’utente di integrare il controllo con proprie applicazioni. Questa versione è disponibile anche con un pannello touch da ben 19″ suddiviso in due diverse finestre di visualizzazione indipendenti, ciascuna delle quali può mostrare una tastiera software, un visualizzatore di documenti o altri applicativi utili alla specifica realizzazione.

I nuovi CNC permettono di gestire in modo particolarmente efficiente sia le operazioni di tornitura sia quelle di fresatura. Il controllo multi-asse/multi-canale è stato migliorato in misura significativa, ottenendo una ulteriore riduzione dei tempi ciclo ed una sincronizzazione tra canali ottimizzata.

cnc_m8

L’integrazione CNC – Robot

La demo invece mostrava il CNC M80 a capo di una macchina alla quale era asservito un robot. Il CNC funge da master di rete CC-Link IE e comunica in questo modo con il contollo robot (in questo caso nelle vesti di slave). La stessa applicazione sarebbe stata possibile anche unificando i controllori su un’unica piattaforma. È l’obiettivo della iQ-Platform, piattaforma di automazione in grado di ospitare su uno stesso backpanel CPU dedicate a controllo logico, motion control, controllo robot e CNC. Asse portante della iQ-Platform è l’apertura al mondo esterno tramite reti Ethernet industriali, in particolar modo con la rete CC-Link IE, il protocollo supportato dalla CLPA che consente di trasmettere dati a velocità fino a 1 GigaBit al secondo.


Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

franco has 614 posts and counting.See all posts by franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pin It on Pinterest