Legge Sabatini, ripartono i finanziamenti

Con il Decreto direttoriale 22 dicembre 2016 Prot. n. 0007814 emanato dal Direttore del Ministero dello Sviluppo Economico Carlo Sapino riprende il prossimo 2 gennaio l’attività dello sportello per la raccolta delle domande di finanziamento alle piccole e medie imprese per i contributi previsti dalla Legge Sabatini Ter (o nuova Sabatini, decreto-legge n. 69/2013 convertito nella legge 9 agosto 2013, n. 98).

Che cosa era successo? Che lo scorso 2 settembre 2016 il Ministero ha dovuto disporre la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi a causa dell’esaurimento delle risorse finanziarie complessivamente disponibili, ma nel frattempo era già stata presentata una serie di domande che non poteva più essere soddisfatta.

Si è creato insomma un “vuoto” in attesa del rifinanziamento di questo strumento. Vuoto è stato colmato con la Legge di Stabilità, che ha rifinanziato lo strumento per due anni, modificandolo e rinforzandolo.

Che cosa prevede la Legge di Bilancio

La Legge di Bilancio riconferma la misura finora vigente e offre un contributo in conto interessi nella misura del 2,75% annuo per i finanziamenti collegati a investimenti, anche mediante operazioni di leasing finanziario, in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.

La legge però prevede due novità: l’incentivo è infatti maggiorato del 30% (quindi arrivando al 3,575%) per i contributi collegati a investimenti che agevolino “la transizione del sistema produttivo nazionale verso la manifattura digitale” (Industria 4.0) in “macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in tecnologie, compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID) e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti”.

Inoltre questi progetti avranno il diritto di accedere a una quota pari al 20% del totale dei fondi a disposizione.

Complessivamente la Legge stanzia una dote di capitale pari a 560 milioni di euro per le domande presentate nel 2017 e nel 2018. Si tenga presente che finora sono state presentate oltre 19 mila le domande di agevolazione per un ammontare di contributo concesso superiore a 360 milioni di euro.

Che cosa prevede il Decreto Direttoriale

Il Decreto Direttoriale dispone la riapertura dello sportello, ma solo per le domande “normali”, rimandando a un successivo decreto l’avvio delle pratiche per l’accoglimento delle domande per i benefici maggiorati per Industria 4.0 (sarà disposto un modulo dedicato).

Il decreto prevede inoltre che le domande presentate prima del 2 settembre e rimaste inevase saranno inserite in lista per prime, a gennaio 2017.


Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

franco has 544 posts and counting.See all posts by franco

6 pensieri riguardo “Legge Sabatini, ripartono i finanziamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pin It on Pinterest