Nuova Sabatini, casse vuote a febbraio?

Tra cinque mesi le casse della Nuova Sabatini saranno vuote. Questo è quanto emerge esaminando i dati sull’utilizzo della misura pubblicati dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Tra le misure di maggior successo del Piano Nazionale Industria 4.0 (ora Impresa 4.0), la Nuova Sabatini rivista in chiave 4.0 prevede un contributo in conto interessi del 2,75% per gli investimenti ordinari e del 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali. Si tratta tra l’altro di una delle poche misure la cui efficacia viene monitorata sulla base di parametri oggettivi mensilmente e pubblicamente.

Dando un’occhiata alla tabella che riportiamo qui sotto, si evince che da gennaio 2017 l’utilizzo del fondo è cresciuto a una media di 40 milioni al mese, media che cresce fino a sfiorare i 50 milioni se si considerano i mesi da aprile ad agosto, quando gli investimenti 4.0 sono effettivamente partiti.

Dello stanziamento iniziale, rimpolpato l’ultima volta con la legge di bilancio 2017, sono rimasti solo 234 milioni di euro, che basteranno a soddisfare le richieste solo per altri cinque mesi. A fine febbraio, insomma, le casse saranno vuote e lo strumento – pensato per operare fino a tutto il 2018 – non potrà più esplicare i suoi effetti. Proprio come accadde nell’estate 2016, quando i rubinetti si chiusero fino alla riapertura di gennaio 2017.

A meno che la prossima legge di bilancio non intervenga con un nuovo finanziamento del fondo. Cosa che parrebbe logica, se non fosse però che le risorse a disposizione dello Sviluppo sono poche e la Sabatini non è mai stata citata dal Ministro Calenda negli interventi pubblici sugli incentivi “che funzionano”.

Eppure, in ottica “meritocratica”, questo strumento deve essere assolutamente mantenuto pienamente operativo: per un imprenditore un contributo come quello della Sabatini vale una fetta compresa tra il 7% e l’11% dell’investimento: un vantaggio che si cumula a quello di super e iperammortamento al quale molte imprese non possono rinunciare.

L’utilizzo dei fondi della Nuova Sabatini nel 2017

Fondo utilizzato Utilizzo mensile
Gennaio € 388.897.434
Febbraio € 414.153.327 € 25.255.893
Marzo € 443.862.699 € 29.709.372
Aprile € 495.722.022 € 51.859.323
Maggio € 532.227.409 € 36.505.387
Giugno € 582.632.339 € 50.404.930
Luglio € 635.482.262 € 52.849.923
Agosto € 693.041.289 € 57.559.027
Settembre € 709.867.173 € 16.825.884
Media 2017 € 40.121.217
Fondo disponibile € 233.995.561
Mesi residui coperti 5,8

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media.
Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende.
E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

franco has 649 posts and counting.See all posts by franco

Un pensiero riguardo “Nuova Sabatini, casse vuote a febbraio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pin It on Pinterest