Super e iperammortamento, occhio alle rate… troppo convenienti!

Le modifiche introdotte ai criteri per la compilazione dei bilanci hanno un impatto negativo sul calcolo di super e iper ammortamento, almeno nei casi in cui il bene acquistato venga pagato a rate con interessi nulli o “irragionevolmente bassi”.

A ben vedere si tratta di una situazione non rarissima: il fornitore, anziché scontare il costo di acquisto del bene, pratica condizioni di favore per il pagamento. Ma che cosa c’entra tutto questo con super e dell’iper ammortamento?

Come sappiamo, questi incentivi consistono in una maggiorazione rispettivamente del 40% e del 150% del capitale messo ad ammortamento. E proprio qui sta la novità: dal Bilancio 2016 è infatti obbligatorio scorporare dalla quota capitale del bene gli interessi impliciti, cioè la quota di interessi che sarebbe stato normale pagare prendendo quel capitale a credito. Questo principio si applica soltanto ai debiti che prevedono piani di rimborso delle rate superiori ai 12 mesi e tassi di interesse espliciti nulli o – appunto – “irragionevolmente bassi”. Va da sé che, abbassandosi in tal modo la quota di capitale da ammortare, si riduce di conseguenza anche il beneficio di super e iper ammortamento.

Qual è il tasso di interesse da considerare? Quello di mercato oppure quello medio pagato per i capitali presi a credito.

Un esempio pratico

Consideriamo il caso di una macchina 4.0 che costa 100 mila euro e che dà diritto all’iperammortamento al 250%. Se si paga interamente il bene al momento della consegna, il risparmio ottenuto alla fine del periodo di ammortamento è pari a 60.000 euro (100000*250%*24%).


In caso di dilazione del pagamento con rate oltre i 12 mesi occorre invece ricalcolare la quota capitale sottraendo la quota di interessi impliciti. Se la quota di interessi impliciti fosse di 5.000 euro, il risparmio diventa quindi 57.000 euro (95000*250%*24%).

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 839 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest