L’1 e il 2 dicembre l’Università degli Studi di Bergamo e Adapt, l’associazione senza fini di lucro che promuove studi e ricerche nell’ambito delle relazioni industriali e di lavoro, organizzano a Bergamo un convegno dedicato ai fattori e alle competenze abilitanti di Industria 4.0.

L’evento – il terzo di una serie iniziata due anni fa – si propone di analizzare in una prospettiva interdisciplinare e comparata i fattori pedagogici, psicologici, socio-istituzionali e normativo-contrattuali che influenzano e possono agevolare gli avanzamenti sul fronte della formazione delle competenze, delle infrastrutture della conoscenza, delle tutele e dei sistemi di welfare e
delle relazioni industriali al fine di rispondere alle sfide determinate dal paradigma di Industria 4.0.

Gli organizzatori invitano quindi professori, ricercatori, dottorandi, esperti, e tutti coloro che sono interessati ai temi del convegno, provenienti da diverse discipline, a presentare i loro contributi su una delle seguenti tematiche:

(I) Nuove competenze e professionalità

– Quali competenze tecniche e nuovi profili professionali possono nascere nel contesto di Industry 4.0, e come favorirne lo sviluppo?;
– Strumenti di analisi degli skills gap e previsione dei fabbisogni professionali in un contesto di mutazione di processo e di prodotto costante;
– Contenuti e modalità di trasferimento delle competenze trasversali e delle metacompetenze, anche per il sostegno delle transizioni occupazionali;
– Quali nuovi programmi, percorsi e metodologie formative per lo sviluppo di profili professionali innovativi?

(II) Infrastrutture (della conoscenza)

– Il ruolo delle infrastrutture di ricerca (fisiche), degli hub territoriali (Digital innovation hub, Cluster tecnologici nazionali, Competence Center, distretti industriali, parchi scientifici e
tecnologici) e ecosistemi territoriali;
– Le reti territoriali per la formazione e per l’innovazione, reti scuola-impresa, reti di imprese;
– Esperienze ed analisi dell’utilizzo di contratti di rete per favorire processi di
digitalizzazione.


(III) Nuove tutele e sistemi di welfare

– La governance del mercato del lavoro tra globalizzazione e rinnovata centralità dei territori, oltre le politiche attive?;
– Quali nuovi modelli, esperienze e strumenti di welfare contrattuale, territoriale e aziendale?;
– Le nuove tutele inclusive nei mercati del lavoro transizionali (es. portabilità);
– Ruolo del privato sociale e delle parti sociali nella costruzione di reti di protezione locali.

(IV) Relazioni industriali e contrattazione collettiva

– Gli impatti della tecnologia sugli attuali sistemi di mansioni e inquadramenti professionali;
– Nuovi contenuti della contrattazione in materia di formazione e flessibilità spaziotemporale della prestazione;
– Impatto sull’assetto istituzionale della contrattazione collettiva, in particolare il ruolo della contrattazione territoriale.

Tutti i dettagli sono disponibili qui.


Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 1001 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest