Nasce l’Innovation Radar: in Europa è più facile connettersi a innovatori e innovazioni

Oggi, in occasione del Digital Day 2018 a Bruxelles, la Commissione europea ha lanciato il Radar dell’Innovazione (Innovation Radar), uno strumento online che semplifica la conoscenza e l’accesso alle innovazioni finanziate dall’UE e agli innovatori che le sostengono.

Innovation Radar: nuove chances per le start up

Il programma consentirà a tutti i cittadini, funzionari pubblici, professionisti e imprenditori di trovare on line e velocemente i finanziamenti UE destinati ai progetti innovativi, con l’obiettivo di garantire alle nuove imprese opportunità di crescita come quelle raccolte da aziende come Skype, TomTom, ARM Holdings, che, come è noto,  hanno beneficiato di finanziamenti UE in fase di start up.

Il Radar dell’Innovazione non è solo una banca dati: è stato progettato per favorire i contatti tra gli innovatori finanziati dall’UE e, ad esempio, investitori o altri professionisti che possano aiutarli a commercializzare le loro innovazioni, con competenze o investimenti economici.



Una giornata importante per l’Europa

Mariya Gabriel, commissaria europea per l’economia e la società digitali, ha dichiarato: “L’Europa ha una grande esperienza nello sviluppo di nuove tecnologie e i finanziamenti dell’UE svolgono un ruolo importante. Con il Radar dell’Innovazione che stiamo lanciando oggi vogliamo non solo presentare le innovazioni finanziate dall’UE, ma anche aiutare gli innovatori di tecnologie chiave quali Big Data, Intelligenza Artificiale e Cybersecurity a relazionarsi con altri imprenditori e imprese, investitori, incubatori di imprese e acceleratori per accelerare il loro ingresso e la loro crescita sul mercato. Invito tutti a dare un’occhiata alle entusiasmanti innovazioni che l’Unione europea sta finanziando.

Gli Stati membri dell’UE hanno riconosciuto il valore e la necessità di tale strumento e i ministri di 17 paesi stanno firmando una dichiarazione sul radar dell’innovazione in occasione del Digital Day 2018 per dimostrare il loro impegno a utilizzarlo per promuovere l’eccellenza innovativa nei loro paesi. Questi Stati membri condividono l’ambizione della Commissione di utilizzare il radar dell’innovazione per favorire l’emergere di un ecosistema dinamico attorno ai risultati dei programmi di ricerca e innovazione dell’UE. La Commissione europea lavorerà inoltre in stretta collaborazione con gli Stati membri per sviluppare ulteriormente lo strumento radar per l’innovazione basato sui dati, ad esempio integrando ulteriori dati e migliorando i profili degli innovatori finanziati dall’UE”.

Come accedere all’Innovation Radar

L’Innovation Radar è accessibile via web (http://ec.europa.eu/innovation-radar) o come applicazione per smartphone (scaricabile dagli app store iOS e Android).

I Paesi firmatari

Hanno aderito alla dichiarazione: Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica ceca, Finlandia, Germania, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Norvegia.

Assente, come nel caso della dichiarazione sulla blockchain, l’Italia. Sconosciute, al momento, le motivazioni.

 

 

Sabrina Antenucci

Giornalista, speaker radiofonica, presentatrice e formatrice; la comunicazione è la sua passione. Scrive e parla di attualità, cibo, bellezza, bon ton, lusso, tecnologia, social network; ha un passato nelle multinazionali dell'IT e sogna un futuro su una spiaggia di Saint Barth. Nel tempo libero legge, ascolta la radio, segue corsi e convegni. Recidiva.

Sabrina Antenucci ha 11 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Sabrina Antenucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pin It on Pinterest