L’evoluzione dell’HMI dalla visualizzazione al motion control

Da semplice strumento di visualizzazione a fulcro del nuovo data-based manufacturing: l’HMI è uno dei protagonisti silenziosi della quarta rivoluzione industriale. Se è storicamente qui che l’operatore di campo ha avuto accesso ai dati di processo, oggi l’HMI non è più solo un pulpito dal quale controllare macchine e impianti. La crescente integrazione di tecnologie sempre più avanzate sta infatti trasformando questo strumento in un concentrato di innovazioni al servizio dell’operatore, ma anche di chi la fabbrica la gestisce. Di questo imponente trend si sta facendo autorevole interprete ESA Automation, che dell’HMI in Italia ha fatto – e intende continuare a fare – la storia. SPS Italia è stata la vetrina in cui l’azienda comasca ha presentato, unitamente alla sua offerta completa per la gestione di macchine e impianti, alcune importanti novità.

 

Massima apertura con il Web Panel

Il nuovo Web Panel Esaware EW100BD rappresenta l’evoluzione 4.0 del Client HMI classico. Deputato alla visualizzazione dei dati di produzione, offre un display true flat da 7″ dotato di tecnologia touch capacitiva. Il suo compito è mostrare all’operatore, grazie al potente browser incorporato, qualsiasi interfaccia sviluppata in HTML5.

Come per tutti i prodotti ESA Automation, anche per l’Esaware EW100BD la parola d’ordine è “apertura”: questo prodotto infatti è in grado di presentare qualsiasi tipo di interfaccia web based, indipendentemente dal device con il quale è stata generata.

Spinti da un potente processore ARM Cortex A9 Quad-Core, i nuovi web panel dispongono di due porte USB, doppia porta Ethernet e lettore di schede SDHC e, in opzione, porta seriale e capacità di comunicazione Wi-Fi e 3G e possono essere montati su braccio VESA o all’interno del quadro.

Sono disponibili sia in versione con sistema operativo Android, dotata di launcher personalizzato, sia in versione con OS Linux a bordo: un vero e proprio computer con interfaccia desktop.

Rispetto a una soluzione HMI classica, i nuovi Web Panel di ESA Automaiton rappresentano una scelta che massimizza il rapporto costi-benefici.

Una soluzione completa in campo meccatronico

Competitività, flessibilità applicativa, possibilità di personalizzazione e, come sempre quando si parla di ESA Automation, apertura a hardware e software di terze parti. Sono queste, in sintesi, le caratteristiche del nuovo ESA Task Motion, una soluzione che spinge i confini dell’HMI ben oltre la visualizzazione. Frutto dell’integrazione tra le tecnologie ESA Automation e il know how derivante dall’acquisizione di Elcon e Selema, due società specializzate in soluzioni per il motion control, il Task Motion è, dal punto di vista hardware, un potente computer dotato di un display di elevatissima qualità pensato per l’uso industriale. Sotto il cofano, però, si nascondono tutte le virtù di questo innovativo prodotto, in grado di integrare le funzionalità di tre mondi: visualizzazione, affidata alla soluzione Crew, controllo logico tramite Soft PLC e, naturalmente, motion control. La parte di controllo del movimento è realizzata attingendo alla nutrita libreria di function block di ESA Automation: blocchi che i tecnici ESA monteranno sapientemente per andare a configurare il set ottimale per rispondere alle esigenze della specifica applicazione.

Task Motion non è però solo un prodotto, ma si configura come una soluzione completa anche della componente servizio. In particolare, insieme a Task Motion i clienti potranno sfruttare anche le grandi potenzialità di Everywhere, l’innovativa piattaforma di assistenza remota di ESA Automation. Così configurata, la soluzione consente agli utilizzatori di avere, a un prezzo competitivo, un prodotto performante, facile da usare e aperto a tutti i protocolli di comunicazione maggiormente diffusi in ambito industriale. Task Motion è inoltre una soluzione completa, che non richiede un router esterno per la teleassistenza e, non ultimo, supportata da un pool di tecnici sempre pronto a intervenire per rispondere a qualsiasi esigenza applicativa.

Il motore con l’azionamento integrato

Sempre all’insegna dell’integrazione è anche la terza novità che ESA Automation ha portato a SPS Italia: il servomotore con azionamento integrato EWD, che integra in un unico corpo compatto e robusto un motore brushless, l’elettronica di controllo con interfaccia bus di campo (CAN-Open, Profinet e a breve EtherCAT), un trasduttore di posizione e, in opzione, anche un riduttore.

Il motore è in grado di generare una coppia di 0,7 Nm o 1,3 Nm a seconda della configurazione. L’unità può essere gestita direttamente dal PLC o dal pannello operatore senza necessità di utilizzare una scheda controllo assi esterna. La disponibilità di interfacce con i più comuni bus di campo permette inoltre di implementare soluzioni di motion control decentralizzato.

Grazie a un attento lavoro di ingegnerizzazione l’azionamento è in grado di offrire sempre il massimo delle prestazioni. Il desing all-in-one, inoltre, consente di ridurre al minimo cablaggi e ingombri. Queste caratteristiche rendono i servomotori con azionamento integrato EWD indicati sia per una gestione precisa ed efficiente del cambio formato sia per le soluzioni dedicate ai processi di tappatura e controllo dell’imbottigliamento, che richiedono la presenza di numerosi motori in spazi limitati.

Panel PC touch screen

Complemento ottimale del sistema EWD sono i Panel PC touch screen della serie XS7. Dotati di frontale in alluminio o acciaio Inox completamente piatto, questi prodotti garantiscono un livello di protezione da polveri e acqua fino a IP 69K e sono pertanto perfettamente idonei a gestire macchine e lavorazioni in ambito alimentare. Disponibili con display retroilluminati a LED in tre taglie (12″, 15″ e 19″), questi PC uniscono alla cura del design una grande flessibilità nella configurazione: è possibile infatti scegliere tra le numerose opzioni disponibili per la memoria di massa (hard disk o SSD rimovibile, mSATA/Compact Flash), il processore (Celeron quad core a 2 GHz o Atom dual core a 1,8 GHz) e la RAM (fino a 8 GB). Completano la dotazione una doppia porta gigabit Ethernet, quattro porte USB, tre seriali e la possibilità di sfruttare degli slot PCIe e mini PCIe per l’espansione.

I Panel PC touch screen della serie XS7 di ESA Automation sono certificati ATEX (Zone 2 e 22, gruppo di prodotto II, categorie di prodotto 3G e 3D).

La fabbrica dei biscotti 4.0

Nell’area Know How 4.0, nel padiglione 4, ESA Automation propone una demo sviluppata in collaborazione con Fanuc e VAR Sirio Industria il cui obiettivo è mostrare i vantaggi offerti dalla digitalizzazione. La postazione di lavoro che sarà allestita rappresenta una linea di confezionamento di biscotti. I pezzi, distribuiti in maniera casuale su un nastro trasportatore, vengono raccolti da un robot delta di Fanuc per essere depositati all’interno di un vassoio. Un secondo robot – un antropomorfo della famiglia LR Mate – preleva i vassoi completi e li porta su un secondo nastro.

Qui l’articolo con la descrizione in dettaglio della demo.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 792 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest