Martedì 4 luglio, presso la sede di Heidenhain a Ivrea, verrà presentato il primo impianto dimostrativo di officina4punto0, progetto che ingloba smart industry e automazione nato dalla collaborazione di 12 aziende: Atlas Copco (sistemi di avvitatura), Coord3 (macchina di misura), Erowa (automazione), Fagima (macchina utensile), Heidenhain (CNC/Connected Machining), Ica System (robot per la pulizia), Kuka (robot), Schunk (morse, portautensili, pinze), Sigma (macchina utensile), Sorma/LMT (utensili), Tebis (CAD-CAM), Vero Project (software ERP).

Dal semigrezzo alla cintura, passando per un pedale

Per tradurre in un linguaggio concreto i vantaggi della quarta rivoluzione industriale, la linea produttiva, che sarà visitabile durante l’evento, è stata abilitata alla trasformazione di un semigrezzo in un pedale per mountain bike. Le successive lavorazioni prevedono la conversione del componente in una fibbia di cintura da donna. In più, per ultimare la cintura, il processo finale include l’adozione di un copertone da mountain bike, un elemento ecocompatibile derivato da materiali usati e riciclati.

Per questo progetto è stato selezionato un pezzo reale, per sottolineare la volontà di fornire soluzioni concrete, applicabili nell’attività produttiva quotidiana. Il pedale rappresenta un elemento complesso ma di piccole dimensioni, sul quale sono state applicate le differenti fasi di lavorazione: si passa, infatti, dalla fresatura a 3 e 5 assi, a lavorazioni di foratura, filettatura il tutto con l’utilizzo di morse automatiche, sistemi autocentranti e griffe sagomate specifiche, viste le caratteristiche del pezzo stesso, di tipo asimmetrico e con pareti sottili. Questo tipo di componente è stato scelto anche in considerazione degli effettivi tempi di lavorazione richiesti, stimati in circa 5 minuti.

Il messaggio che l’intera filiera veicola non riguarda dunque solo la fabbrica 4.0, ma anche l’ambiente. Si è, infatti, ragionato secondo una visione ecosostenibile: il pedale da mountain bike richiama a un mezzo amico dell’ambiente, come la bicicletta. Ma non solo: per la finitura del pezzo sono stati integrati copertoni da bici, opportunamente riciclati e ricondizionati.

Ciascun elemento dell’officina4punto0 costituisce un tassello logico-funzionale, opportunamente orchestrato da sistemi MES ed ERP, che si occupano di coordinare attività e lavorazioni in modo dinamico. L’integrazione tra le componenti è il tassello fondamentale dell’intera operazione; la capacità di dialogare e la collaborazione tra il software e la componente robotica consentono infatti la definizione della commessa, la lavorazione e la finitura di un pezzo.
Tutto questo ha permesso di raggiungere l’obiettivo finale: mostrare in termini pratici come è possibile applicare l’automazione smart a qualsiasi settore produttivo e su qualsiasi scala.


Il programma

Aprirà i lavori Maurizio Cameletti, coordinatore del progetto, che spiegherà le motivazioni che hanno spinto le realtà industriali intervenute a sviluppare una catena automatizzata altamente innovativa. Marco Silvestri, docente SUPSI e Università di Parma, parlerà di “Officina 4.0 tra progettista e cliente: adaptive design e adaptive manufacturing in un ciclo di vita integrato”. Nel corso della presentazione verrà tratteggiata l’evoluzione industriale degli ultimi decenni e saranno toccati i temi fondamentali del settore, per arrivare alla definizione delle priorità per un futuro realmente 4.0.

Prima della sessione di dibattito e interazione con il pubblico presente, sarà presentata la case history del Fustellificio PL di Palazzolo Sull’Olio (BS). Il caso studio servirà per contestualizzare quanto dibattuto e per portare su un piano pratico i vantaggi dell’automazione e della smart industry. L’esempio del Fustellificio PL svela come sia fondamentale abbracciare il cambiamento e cavalcare le opportunità per ottenere un vantaggio competitivo per la crescita del business. La capacità di “guardare oltre” permette, infatti, di beneficiare di tutto ciò che la trasformazione digitale porta con sé, un elemento imprescindibile per vincere la resistenza al cambiamento che ancora oggi blocca molte realtà industriali e non solo.

Per informazioni e iscrizione, cliccare qui.

Innovation Post

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e in poche settimane si è già affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è un’idea di Franco Canna, che ne è direttore, e Armando Martin, entrambi giornalisti di lungo corso nel settore delle tecnologie per l’industria.

Innovation Post ha 487 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Innovation Post

Un pensiero riguardo “A Ivrea prove pratiche di officina 4.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest