La nuova versione di KEPServerEX mette la sicurezza al primo posto

E’ disponibile la versione 6.5 di KEPServerEX, la soluzione di connettività universale sviluppata da Kepware, azienda statunitense parte del gruppo PTC. Distribuita in Italia da EFA Automazione SpA, leader italiano nell’ambito delle soluzioni per la connettività industriale, la nuova release di KEPServerEX 6.5 ha introdotto una serie di aggiornamenti e numerose migliorie che riguardano gli aspetti legati alla gestione della sicurezza. Tra queste la crittografia avanzata e la possibilità di impostare una password amministratore già in fase di installazione. L’upgrade gratuito alla nuova versione KEPServerEX 6.5 è disponibile per un periodo di tempo limitato per tutti i possessori di licenze 5 e 6, incluse quelle prive di contratto di manutenzione e supporto..

Security, first

Gli aggiornamenti che ha ricevuto la versione 6.5 insistono molto sulla sicurezza. La nuova release rende infatti possibile gestire in maniera ancora più sicura i singoli file di progetto e lo sviluppo delle applicazioni, mediante il controllo di accesso basato su password.

La nuova versione 6.5 viene rilasciata con la Secure KEPServerEX® Deployment Guide, che comprende le raccomandazioni strategiche in tema di sicurezza. Nella guida sono contenute le indicazioni per la gestione delle API di configurazione, l’utilizzo di interfacce sicure, la manutenzione del server e tutto ciò che è opportuno fare durante e dopo l’installazione di KEPServerEX per assicurare la massima continuità di servizio.

Il nuovo KEPServerEX 6.5 offre:

  • Protezione dei file di progetto: consente agli utenti di crittografare i file di progetto utilizzando moderni algoritmi di codifica per proteggerli durante il trasferimento verso altri utenti o verso nuove istanze di KEPServerEX.
  • Password amministratore: consente agli utenti di impostare una password durante l’installazione per autorizzare l’accesso amministrativo e proteggendo in tal modo l’accesso al sistema ancor prima dell’inserimento dei dati di configurazione.
  • Aggiornamenti continui: l’impiego dei più aggiornati algoritmi di crittografia garantisce maggiore sicurezza a livello applicativo.
  • Image
    Oltre alla presenza delle nuove e importanti funzionalità in tema di sicurezza, la nuova release 6.5 di KEPserverEX ha visto l’aggiornamento di ben 32 componenti, che includono driver come il Torque Tool Ethernet driver e l’MQTT Client, plug-in avanzati, l’utility TIA Portal Exporter e l’interfaccia nativa ThingWorx.

A che cosa serve KEPServerEX

KEPServerEX è una soluzione di connettività che consente di raccogliere, aggregare e gestire in modo semplice, flessibile e sicuro tutti i dati generati dalle operazioni che si svolgono a livello di campo.

KEPServerEX consente di connettere PLC, sensori, RTU e, in generale, qualsiasi dispositivo di campo che generi dati, e veicolarli verso sistemi HMI e Scada, applicazioni per il data logging, software di reportistica, sistemi di gestione della produzione (MES, ERP), strumenti di supporto alle decisioni (DSS, BI), nonché verso i database e le piattaforme per attività di Big Data Analytics. KEPServerEX consente inoltre di implementare soluzioni di connettività basate sui paradigmi dell’ IoT (Internet of Things), fornendo pertanto tutte le funzionalità necessarie per digitalizzare i processi delle imprese che intendono interconnettere i loro asset produttivi ai software, sia commerciali che proprietari, di cui già dispongono o che intendono acquistare.

Questo è possibile grazie alla completa dotazione di interfacce Client per gli standard OPC DA, AE, UA, Xi (.NET), DDE, ODBC, SNMP Agent, nonché per la presenza di interfacce specifiche, tra cui citiamo i Client Wonderware Suitelink, GE NIO, Oracle MOC e SAP.

KEPServerEX offre la più ampia capacità di comunicazione e interfacciamento attualmente disponibile sul mercato, grazie agli oltre 150 Driver di Comunicazione e i 250 Protocolli supportati (sia lato OT, come fieldbus e Industrial Ethernet, che lato IT, tra cui MQTT, REST, ODBC e SNMP).

KEPServerEX è in grado di supportare sia i dispositivi in commercio che quelli obsoleti e non più reperibili, coprendo in tal modo praticamente tutti gli ambiti dell’automazione industriale come il packaging, il siderurgico, le industrie di trasformazione di legno, vetro, carta, ceramica, plastica, gomma ecc., la produzione e il trasporto dell’energia, il trattamento dell’acqua, nonché il settore building e delle infrastrutture.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 803 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest