Nuova RTU Siemens con funzionalità GPS

Siemens amplia la famiglia di prodotti Simatic RTU3000C con un nuovo modello, una scheda di espansione e un nuovo software che vanno a estendere le possibilità di impiego di questi dispositivi in applicazioni di telecontrollo: la nuova Simatic RTU3031C (Remote Terminal Unit/RTU) è dotata di funzionalità GPS integrata per il confronto del setpoint con la posizione reale. Ciò la rende adatta non solo ad applicazioni statiche, come il monitoraggio di punti di misura distribuiti nel settore idrico, ma anche ad applicazioni su dispositivi in movimento che richiedono funzioni di localizzazione, per esempio il monitoraggio della posizione di navi o il tracciamento dei container. Inoltre, Siemens introduce una scheda di espansione che consente agli utenti di collegare fino a otto sensori aggiuntivi alle unità di telecontrollo. Il nuovo firmware per questa famiglia di prodotti offre inoltre all’utente nuove funzioni, come il collegamento a centri di controllo ridondanti e nuovi blocchi funzione per la valutazione statistica dei valori di processo.

Le unità di telecontrollo Simatic RTU3000C, compatte e robuste, sono progettate appositamente per il funzionamento a basso consumo in ambienti in cui non è presente un sistema di alimentazione. Possono essere alimentate in modo ridondante, ad esempio con un massimo di sei moduli batteria o con una batteria ricaricabile con pannello solare. Possono essere utilizzate anche in condizioni ambientali difficili, con temperature comprese tra -40 °C e +70 °C (con custodia esterna IP68).

L’antenna GPS e il modulo integrato ampliano le applicazioni

Simatic RTU3031C può essere collegata a un’antenna GPS e che fornisce funzioni di localizzazione e sincronizzazione temporale tramite il segnale GPS. Gli utenti possono così monitorare i dati di processo come il livello di riempimento, il livello e la portata, nonché la pressione e la temperatura in punti di misura remoti e anche mobili.

La RTU3031C è dotata di un modem UMTS integrato, con il quale i dati raccolti vengono inviati a un centro di controllo in base al tempo o agli eventi. Come tutte le unità di telecontrollo della famiglia di prodotti RTU3000C, il nuovo dispositivo supporta non solo la connessione a un centro di controllo con i protocolli per il telecontrollo (IEC 60870, DNP3, Sinaut ST7 e TeleControl Basic), ma anche l’utilizzo come data logger. Inoltre, tutti i valori di processo misurati possono essere memorizzati nella memoria interna o su una scheda SD e, se necessario, letti in remoto tramite una gestione basata sul Web o inviati a partner definiti tramite trasferimento sicuro di file o e-mail.

Gli ingressi e le uscite integrati consentono il collegamento diretto dei sensori. Il dispositivo è l’unico della famiglia ad offrire quattro uscite digitali aggiuntive (DQ) sviluppate per fungere da relè a stato solido ad alta velocità, oltre ai quattro ingressi analogici (AI), agli ingressi digitali (DI) e ai quattro DQ standard.

La scheda di espansione

La nuova scheda di espansione per la famiglia di prodotti RTU3000C consente il collegamento di otto sensori aggiuntivi tramite Modbus RTU. Può essere utilizzata con tutte le varianti della famiglia di prodotti, ad esempio con il Sitrans FM MAG8000 per le misure di portata. Ciò va a beneficio degli utenti di un’ampia gamma di settori industriali che desiderano trarre vantaggio da informazioni aggiuntive provenienti dai sensori (ad esempio, informazioni diagnostiche).

Il nuovo firmware V3 offre numerosi miglioramenti, come la connessione a centri di controllo con master IEC 60870 ridondanti, estensioni nella gestione basata sul web e nell’amministrazione utente, connessione WAN via DNP3 e IEC 60870 senza OpenVPN per far funzionare RTU3030C o RTU3031C su connessioni già crittografate da fornitori di telefonia mobile (APN privati). Inoltre, gli utenti hanno accesso a nuovi blocchi funzione per funzioni statistiche, uscita a treno di impulsi per un controllo preciso dei segnali periodici e gestione dello stato di funzionamento del modulo (ad esempio arresto sicuro, riavvio, ecc.). Ciò consente anche una più rapida creazione della connessione per le connessioni crittografate.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 801 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest