Istat, a giugno torna a migliorare la produzione industriale

Indice produzione industriale Istat

Migliora l’indice della produzione industriale in Italia  che, grazie alla buona crescita registrata negli ultimi due mesi, riesce a  recuperare la flessione che si era registrata in aprile. L’indice destagionalizzato, quindi, a giugno torna agli stessi valori di marzo. 

A renderlo noto l’Istat che ha pubblicato il flash mensile sulla produzione industriale che conferma l’espansione nei primi sei mesi dell’anno, il cui impulso tende tuttavia ad attenuarsi negli ultimi mesi. 

Quattro mesi di crescita per la produzione industriale

L’indice destagionalizzato dei beni strumentali raggiunge a giugno un livello elevato (114,6) sostenuto da quattro mesi di continua crescita congiunturale, e anche la dinamica su base annua conferma un marcato profilo di crescita per questo comparto.  

Secondo le proiezioni di Istat a giugno 2018 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti dello 0,5% rispetto a maggio. Nella media del secondo trimestre, invece, il livello della produzione rimane invariato rispetto al trimestre precedente.

Crescono i beni strumentali e quelli di consumo, ma cala l’energia

L’indice destagionalizzato mensile mostra una crescita congiunturale nei comparti dei beni strumentali (+1,4%) ed, in misura più contenuta, dei beni di consumo (+0,5%) e dei beni intermedi (+0,1%); una variazione negativa registra invece l’energia (-0,7%).

Corretto per gli effetti di calendario, a giugno 2018 l’indice è aumentato in termini tendenziali dell’1,7% (i giorni lavorativi sono stati 21 come a giugno 2017). Nella media dei primi sei mesi la produzione è cresciuta del 2,6% su base annua.

Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano a giugno 2018 un’ampia crescita tendenziale per i beni strumentali (+5,4%); più contenuto è l’aumento per i beni di consumo (+1,2%) e per i beni intermedi (+0,4 %) mentre diminuisce il comparto dell’energia (-3,9%).

Attività estrattiva e farmaceutica trainano la crescita

I settori di attività economica che registrano la maggiore crescita tendenziale sono l’attività estrattiva (+12,5%), la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+11,8%) e la fabbricazione di mezzi di trasporto (+7,1%). 

Le maggiori flessioni si registrano invece nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-8,6%), nella fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-6,5%) e nella industria del legno, della carta e stampa (-4,2%).

Produzione industriale, la nota metodologica per calcolare l’indice 

L’indice della produzione industriale si basa sui risultati di una rilevazione statistica campionaria, condotta presso le imprese, che misura il volume di produzione dei beni inclusi in un paniere rappresentativo di prodotti. Questo consente di calcolare numeri indici per voci di prodotto che, a loro volta, sono sintetizzati per attività economica. 

L’indagine mensile sulla produzione industriale viene effettuata direttamente presso un panel di circa 4.600 imprese che comunicano i dati relativi a circa 8.500 flussi mensili di produzione, definiti generalmente in termini di quantità fisiche. In aggiunta a tali dati, per la stima degli andamenti produttivi di specifici settori industriali, vengono utilizzate altre fonti statistiche.  

Allo scopo di mantenere la significatività dell’indice e di tenere conto dei cambiamenti di qualità dei prodotti industriali nel corso del tempo, per una parte di essi (il 13%) la produzione viene rilevata tramite le ore lavorate. Per una quota minore (con un peso pari al 10,5%) l’attività è misurata tramite il valore della produzione, opportunamente deflazionato con un indice di prezzo alla produzione.

Fabrizio Cerignale

Giornalista professionista, con in tasca un vecchio diploma da perito elettronico. Free lance e mobile journalist per vocazione, collabora da oltre trent’anni con agenzie di stampa e quotidiani, televisioni e siti web, realizzando, articoli, video, reportage fotografici. Giornalista generalista ma con una grande passione per la tecnologia a 360 gradi, da quella quotidiana, che aiuta a vivere meglio, alla robotica all’automazione.

Fabrizio Cerignale ha 122 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Fabrizio Cerignale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest