Industry 4.0 Design Magazine è una pubblicazione di Quine Business Publishers. L’editoriale del numero di Settembre 2018 di Industry 4.0 Design Magazine, firmato da Franco Canna, si intitola “Industria 4.0, obiettivo “awareness” raggiunto, ma ora tocca agli investimenti”. Ve lo riportiamo qui di seguito. In fondo potete sfogliare l’intera rivista.

Industria 4.0, obiettivo “awareness” raggiunto, ma ora tocca agli investimenti

di Franco Canna

Durante l’estate diversi studi realizzati da autorevoli istituti di ricerca hanno provato a capire come sta effettivamente andando l’implementazione di Industria 4.0 in Italia. L’Osservatorio Industria 4.0 realizzato dalla School of Management del Politecnico di Milano fornisce un dato rincuorante: il 97,5% delle imprese manifatturiere sa che cos’è Industria 4.0. È un numero importante che sancisce il successo delle diverse iniziative di informazione mirate a creare awareness sull’argomento.


L’indagine dell’Osservatorio ha rilevato anche che il 50% delle imprese ha già messo in campo progetti che sfruttano iperammortamento o superammortamento e un ulteriore 25% ha intenzione di farlo a breve.

Questi numeri incoraggianti sono stati confermati anche da una seconda analisi, quella realizzata da Eumetra e Ucimu – Sistemi per Produrre, focalizzata sul bacino delle imprese metalmeccaniche. Anche in questo caso risulta che oltre il 90% delle imprese ha consapevolezza dei concetti alla base di Industria 4.0 e che circa la metà del campione ha fruito di almeno uno degli incentivi previsti dal piano Impresa 4.0.

Tuttavia dallo studio Eumetra – Ucimu emerge anche un dato meno positivo: se chi ha iniziato a investire intende proseguire su questa strada, chi non lo ha ancora fatto in buona parte continuerà a non farlo. In altre parole sembrerebbe allargarsi la “forbice” tra una élite di imprese illuminate e una più che significativa minoranza di imprese che invece resta al palo degli investimenti, almeno per quanto riguarda i progetti 4.0.

L’emergere di questa forbice è stato poi confermato dal terzo (e più inquietante) degli studi, quello realizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla MET. In questo caso la platea di imprese coinvolte nell’indagine è parecchio più ampia – circa 23 mila aziende – e i risultati emersi sono decisamente meno confortanti: le aziende manifatturiere che hanno abbracciato il paradigma 4.0 sarebbero infatti appena l’8,4% del totale, con un ulteriore 4,7% in procinto di farlo nel triennio 2018-2020. Anche in questo caso lo studio rileva che le imprese rimaste legate ai processi di produzione tradizionali difficilmente realizzeranno interventi in chiave 4.0 nel prossimo triennio. Al contrario, le imprese che attualmente usufruiscono delle tecnologie 4.0 hanno una probabilità elevata di ampliare nel prossimo futuro il set di tecnologie 4.0 impiegate.

Se quindi il lavoro di diffusione dei concetti chiave di Industria 4.0 ha avuto un indiscutibile successo, meno incoraggiante è il quadro che emerge quando dalle parole si passa alle scelte di investimento.
Per certi versi è del tutto normale che ci sia una certa prudenza nell’adozione di tecnologie che richiedono una rivisitazione dei processi industriali. Dall’altra parte il contesto favorevole venutosi a creare in questi ultimi anni grazie alla straordinaria coincidenza di diversi fattori positivi, non ultimo il sistema organico di incentivi messi in campo da Stato e Regioni, non durerà per sempre. L’auspicio è che quella parte dell’industria italiana che ha compreso il valore di questo momento di transizione – e il beneficio che i nuovi modelli possono apportare alle imprese nostrane in termini di competitività – sia da guida a quanti invece ancora tentennano. Che, insomma, non si allarghi quella pericolosa forbice che potrebbe davvero creare un solco incolmabile tra chi sarà protagonista del futuro e chi invece condannato a inseguire.

Lo sfogliabile

 

Innovation Post

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e in poche settimane si è già affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è un’idea di Franco Canna, che ne è direttore, e Armando Martin, entrambi giornalisti di lungo corso nel settore delle tecnologie per l’industria.

Innovation Post ha 508 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Innovation Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest