Navighiamo in acque agitate: gli attacchi informatici contro i porti di San Diego e Barcellona

di Andrew Tsonchev, Director of Technology Darktrace Industrial

L’ondata di attacchi ransomware della scorsa estate ha compromesso diversi enti portuali, causando danni ingenti al trasporto marittimo mondiale e portando la cyber security a diventare rapidamente la preoccupazione principale del settore marittimo.

Già alcuni mesi fa, un porto era stato colpito da un ransomware e, a questo di recente si sono aggiunti i porti di Barcellona e San Diego che hanno dichiarato di aver subito ulteriori attacchi.

Sebbene gli attacchi del 2017 abbiano avuto un impatto devastante a livello globale, non sembravano indirizzati deliberatamente a un settore specifico: i terminali portuali furono colpiti semplicemente come conseguenza di attacchi multipli e indiscriminati. Gli effetti di queste aggressioni, devastanti e ampiamente diffuse su tutto il mercato, dal trasporto alla produzione, tuttavia, hanno sollevato l’attenzione sul rischio legato alla propagazione di attacchi informatici ai sistemi di controllo critici del settore industriale. In precedenza, l’ambito OT (Operational Technology) all’interno degli ambienti industriali era sostanzialmente separato dai sistemi IT, e rimaneva quindi relativamente immune ai cyber attacchi. Le recenti minacce hanno mostrato come la tendenza attuale a integrare e unificare i sistemi IT e OT abbia esposto anche questi ultimi ad attacchi indiscriminati.

La convergenza dei sistemi IT e OT, tuttavia, non mostra segni di rallentamento. I porti ‘smart’ iperconnessi consentono di aumentare efficienza e precisione, tagliando al contempo i costi. Eppure, l’intreccio tra mondo fisico e digitale in ambito portuale rappresenta una sfida significativa per i team di cyber security incaricati della sua difesa. Si può dire, senza paura di trarre conclusioni affrettate, che non sia una sorpresa che il Porto di Barcellona abbia scelto di diventare un ‘Porto Digitale’, intraprendendo un progetto lanciato lo scorso anno per promuovere la digitalizzazione degli ambienti portuali.


Anche se non conosciamo tutti i dettagli, i recenti attacchi a Barcellona e San Diego sembrano essere mirati. Probabilmente il successo inaspettato della campagna ransomware dell’anno scorso ha ispirato gli aggressori a perseguire specificamente il settore marittimo. Danni all’OT possono essere altamente lesivi per questa particolare industria, poiché questi ambienti supervisionano i sistemi critici di porti e navi e una qualsiasi compromissione potrebbe causare un danno reputazionale, perdite finanziarie rilevanti e danni fisici. Era quindi prevedibile che gli attacchi ransomware avrebbero presto iniziato a prendere di mira i porti e molti enti  si sono preparati a questa eventualità negli ultimi 12 mesi. Ora che gli attacchi sono diventati concreti, la protezione dei sistemi OT è diventata di importanza critica.

Darktrace ha implementato l’IA a in diverse aziende del settore marittimo, con l’obiettivo principe di mitigare e difendere l’Operational Technology. Questi sistemi sono altamente personalizzati e pertanto inadatti all’utilizzo di soluzioni IT prefabbricate. La cyber IA di Darktrace è in grado di adattarsi automaticamente agli ambienti OT e auto-apprendere definendo un’identità univoca, indipendentemente dal fornitore o dalla piattaforma tecnologica.

L’IA di Darktrace difende attivamente i porti in tutto il mondo, tra cui l’Harwich Haven Authority e il Belfast Harbour in Inghilterra, proteggendoli da attacchi mirati e indiscriminati contro i loro sistemi OT e IT. Difendere questi ambienti richiede la capacità di proteggere tutti i tipi di sistemi tecnologici, dai sistemi PLC e SCADA più tradizionali ai nuovi dispositivi IoT. ovunque ci si trovi, nel cloud, su un’imbarcazione o sulla terraferma, Darktrace difende costantemente i sistemi e identifica le cyber minacce in tempo reale, evitando qualsiasi ripercussione o interruzione delle attività.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 839 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest