Il mercato dei semiconduttori cresce, ma il 2019 sarà difficile. Ecco le prime 10 aziende del settore.

Nel 2018 il fatturato mondiale dei semiconduttori è stato pari a 476,7 miliardi di dollari, in crescita del 13,4% rispetto al 2017. Secondo i risultati preliminari presentati dalla società di ricerche di mercato Gartner, le memorie si sono confermate la categoria più importante del settore, rappresentando il 34,8% del fatturato totale dei semiconduttori.

Samsung guida il mercato, ma le memorie entrano in recessione

Il più grande fornitore di semiconduttori, Samsung Electronics, ha consolidato la sua leadership grazie al boom del mercato delle DRAM. Ma se nel 2018 l’azienda ha continuato a svilupparsi sulla base della crescita del 2017, “i guadagni complessivi generati dalla vendita di memorie sono cresciuti a un ritmo dimezzato rispetto al 2017, Questo va attribuito al fatto che il business delle memorie sono entrate in fase di recessione alla fine del 2018”, ha detto Andrew Norwood, vice presidente e analista di Gartner.

Il fatturato combinato dei 25 principali fornitori di semiconduttori è aumentato del 16,3% nel 2018 e ha rappresentato il 79,3% del mercato, sovraperformando rispetto alla media del mercato, che ha visto un aumento del fatturato medio del 3,6%. Questo, spiega Gartner, è dovuto alla concentrazione dei fornitori di memorie nei primi 25 posti della classifica.

Gli altri player: Intel, Hynix e Microchip

Il fatturato dei semiconduttori di Intel è cresciuto del 12,2% rispetto al 2017, grazie alla crescita del prezzo di vendita unitario e a quella del prezzo medio di vendita.

Tra i principali fornitori di memorie che hanno ottenuto ottimi risultati nel 2018 si annoverano SK hynix (per le DRAM) e Microchip Technology grazie all’acquisizione di Microsemi.


I primi quattro fornitori nel 2017 hanno mantenuto la loro posizione nel 2018.

I primi 10 attori del mercato dei Semiconduttori nel 2018 (dati in milioni di dollari)

2018 Rank 2017 Rank Vendor 2018 Revenue 2018 Market Share (%) 2017 Revenue 2017-2018 Growth (%)
1 1 Samsung Electronics 75.854 15,9 59.875 26,7
2 2 Intel 65.862 13,8 58.725 12,2
3 3 SK hynix 36.433 7,6 26.370 38,2
4 4 Micron Technology 30.641 6,4 22.895 33,8
5 6 Broadcom 16.544 3,5 15.405 7,4
6 5 Qualcomm 15.380 3,2 16.099 -4,5
7 7 Texas Instruments 14.767 3,1 13.506 9,3
8 9 Western Digital 9.321 2,0 9.159 1,8
9 11 ST Microelectronics 9.276 1,9 8.031 15,5
10 10 NXP Semiconductors 9.010 1,9 8.750 3,0
Others 98.648 20,7 95.215 3,6
Total Market 476.693 100,0 420.393 13,4

Fonte: Gartner (gennaio 2019)

“Le attuali classifiche potrebbero vedere un cambiamento significativo quest’anno considerando che il mercato delle memorie rallenterà nel 2019”, ha detto Norwood. “I product manager tecnologici devono prepararsi a questa crescita limitata”.


I fornitori di memorie, ad esempio, dovranno pianificare l’eccesso di offerta futura e l’intensa pressione sui margini finanziando attività di ricerca e sviluppo. I fornitori di altre tecnologie dovranno invece aumentare l’attività di design-in con i clienti chiave che hanno dovuto pagare prezzi elevati per le memorie.

Poiché il mercato degli smartphone e dei tablet continua a essere saturo, i fornitori di processori dedicati a queste applicazioni devono cercare opportunità in settori contigui come i wearable, gli endpoint IoT e l’automotive.

L’andamento del fatturato

Nel 2018 le memorie sono state la categoria di dispositivi più importante (35%) e anche quella con le migliori prestazioni, con una crescita dei ricavi del 27,2%. All’interno del segmento delle memorie, le memorie NAND hanno subito un forte rallentamento, con un calo del prezzo medio di vendita dovuto all’eccesso di offerta. Questa categoria di dispositivi è riuscita ancora a ottenere una crescita dei ricavi del 6,5%, grazie alla maggiore adozione di unità a stato solido e all’aumento dei contenuti fruiti da smartphone.

La seconda categoria di semiconduttori, i prodotti standard per applicazioni specifiche, ha registrato una crescita del 5,1% a causa dello stallo del mercato degli smartphone combinato con un mercato dei tablet in continuo declino. I fornitori leader in questo segmento, tra cui Qualcomm e MediaTek, si stanno espandendo in modo aggressivo nei mercati adiacenti con maggiori prospettive di crescita, tra cui le applicazioni automotive e IoT.

Le operazioni di mercato

Le attività di fusione e acquisizione nel 2018 sono state più significative per le operazioni che non sono avvenute che per quelle concluse. Citiamo ad esempio il tentativo di acquisizione di Qualcomm da parte di Broadcom, fallito per l’intervento del governo americano, oppure l’offerta di Qualcomm per acquisire NXP su cui ha invece inciso la guerra commerciale tra USA e Cina.

Tra le operazioni andate in porto nel 2018 citiamo invece lo spin-off di Toshiba, che ha trasformato la sua attività NAND in Toshiba Memory nel giugno 2018, e l’acquisizione di Microsemi da parte di Microchip nel maggio 2018.

“Il 2019 sarà un mercato molto diverso dai due anni precedenti”, ha dichiarato Norwood. “Le memorie sono già entrata in una fase di recessione, c’è l’incombente guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e la crescente incertezza sull’economia globale”.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 999 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest