Il laboratorio IMQ certificato per le prove di vulnerability assessment

IMQ è il primo laboratorio a ottenere l’accreditamento UNI CEI EN ISO/IEC 17025 per le prove di vulnerability assessment.

L’accreditamento riguarda infrastrutture utilizzate dai fornitori di servizi fiduciari afferenti sia alla normativa nazionale, per servizi come la conservazione digitale a norma e gestione delle identità digitali SPID, sia al Regolamento UE N. 910/2014 – eIDAS, come la generazione di certificati qualificati per firme e sigilli elettronici e per l’autenticazione di siti web e generazione di marche temporali.

Gli obiettivi

Lo scopo dei vulnerability assessment è quello di fotografare il livello di sicurezza dei sistemi e dei servizi, alla ricerca di possibili falle che potrebbero permettere a terzi di acquisire illegittimamente il controllo di un’infrastruttura e carpirne o manipolarne le informazioni, ad esempio individuando e
sfruttando errate configurazioni, vulnerabilità note, errata gestione delle credenziali, inefficacia del processo di patch management.

“L’accreditamento ottenuto, rappresenta un traguardo di prestigio per IMQ – ha dichiarato Claudia Piccolo, ICT Security Department Manager di IMQ – che in questo modo conferma il suo ruolo di realtà unica nel panorama italiano, accreditata per operare valutazioni del livello di sicurezza informatica offerto da prodotti ed infrastrutture IT e OT in ambito sia civile e sia militare”.

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

    Nicoletta Pisanu ha 610 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Nicoletta Pisanu

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Pin It on Pinterest