Una soluzione smart per accedere ai dati dal campo

FieldEcho di Sick è un software pensato per permettere alle aziende di accedere a tutte le informazioni raccolte dai sensori di un impianto in modo semplice e intuitivo, migliorando l’accessibilità e la trasparenza dei dati che arrivano da qualsiasi dispositivo IO-Link installato, indipendentemente dalla loro tipologia e dalla loro casa di produzione.

Uno dei grandi vantaggi derivanti da IO-Link, infatti, è una maggiore disponibilità dei dati relativi ai sensori e ai dispositivi che lo implementano. Ma IO-Link è “solo” un protocollo di comunicazione punto-punto che permette lo scambio bidirezionale di queste informazioni: per accedere ai dati occorre uno strumento in grado di interfacciarsi con i sensori, indipendentemente dal loro tipo o dalla loro marca. A questo serve il nuovo software FieldEcho di Sick.

Un’unica dashboard per il controllo di tutta la linea

Uno dei grandi vantaggi offerti da FieldEcho è la possibilità di parametrizzare e monitorare tutti i sensori IO-Link collegati nell’impianto, qualunque sia la loro tipologia e marca. Riuscirci è semplicissimo: una volta installato, il software si collega via rete Ethernet ai PLC tramite protocollo OPC UA o TCP/IP e mappa automaticamente i dispositivi IO-Link installati sulla macchina, scaricando i rispettivi file IODD (IO-Link Device Description) dal database ufficiale del consorzio. La mappatura permette una facile impostazione dei parametri dei dispositivi, mettendo a disposizione la descrizione di ogni singolo parametro. Un grande vantaggio per i costruttori di macchina che fino ad ora hanno dovuto provvedere a questo passaggio in modo manuale.

Oltre al risparmio di tempo in fase di commissioning, FieldEcho ottimizza anche l’accesso ai dati durante il funzionamento della macchina, dal momento che le informazioni di interesse possono essere visualizzate in un’unica dashboard.

A questo punto, i dati raccolti dai sensori, siano essi di processo (le informazioni lette e trasmesse dal sensore al master come, ad esempio, la distanza rilevata da sensori laser di misura), servizio (informazioni sul sensore stesso quali il modello, il numero di serie, la descrizione del dispositivo, …) o diagnostica (messaggi di errore o avvisi di manutenzione come quello di ottica sporca), possono essere resi disponibili a un software di livello superiore. Praticamente, FieldEcho funziona come un ponte tra la macchina e l’IT.

Come utilizzare i dati raccolti

I dati aggregati da FieldEcho servono in primis a impostare delle regole sui parametri di interesse. Ad esempio, ogni utilizzatore può impostare delle soglie e degli allarmi, di modo da sbloccare delle azioni nel caso in cui vengano superati i parametri di warning.

In secondo luogo, lo studio dei dati di funzionamento apre le porte alla manutenzione predittiva: conoscendo lo stato attuale dei componenti è possibile intervenire per pulire o sostituire delle parti solo in caso di reale bisogno, con un conseguente risparmio economico rispetto alla manutenzione preventiva.

Infine, abbiamo accennato al fatto che FieldEchofunziona come collegamento tra la macchina e le strutture IT. Grazie al protocollo REST API, infatti, i dati raccolti sono a disposizione anche a livello superiore come software ERP (Enterprise Resource Planning), MES (Manufacturing Execution System) o applicazioni di analisi dei dati su cloud, e non solamente per scopi di automazione pura.

Benefici per tutti i mercati

FieldEcho può essere utilizzato in qualsiasi applicazione e in qualsiasi settore, dal packaging all’automotive, dal chimico ai consumer goods, dal farmaceutico al food&beverage, senza alcuna limitazione.

Essendo membro promotore del consorzio IO-Link fin dalla sua istituzione, Sick è sempre più impegnata ad integrare questo protocollo in tutte le soluzioni offerte, in modo che i propri clienti abbiano sempre tutto sotto controllo. Un trend in continua crescita, così come dimostrato dal fatto che i nodi IO-Link portati sul mercato dal consorzio nel 2018 sono cresciuti del 30% rispetto all’anno precedente; una crescita inarrestabile che comporterà la necessità di accedere automaticamente ai dati disponibili grazie ad IO-Link e che, di conseguenza, richiederà un software per la loro gestione. Come FieldEcho di Sick.

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.