Un kit aperto per realizzare applicazioni per Spot, il robot quadrupede di Boston Dynamics

A fine settembre l’avvio del programma Spot Early Adopter, che ha permesso agli utilizzatori di realizzare applicazioni reali per Spot, il rivoluzionario robot quadrupede di Boston Dynamics, nei settori più vari, dall’edilizia alle utility, dalla sicurezza pubblica all’industria mineraria fino all’intrattenimento. Oggi la Casa californiana fa un altro passo avanti, pubblicando il Software Development Kit (SDK) di Spot su Github, in modo da rendere la piattaforma disponibile agli sviluppatori in maniera immediata.

Il Toolkit contiene le API per controllare il robot, la libreria in Python, la documentazione e programmi di esempio. Scaricando l’SDK, sviluppatori e appassionati di robotica potranno comunicare con il robot e sviluppare le loro applicazioni, sfruttando le possibilità di integrazione che spaziano dal controllo VR alla registrazione automatica della scansione laser, dalla connessione dei dati di Spot ai servizi in cloud all’utilizzo dell’Edge computing per aiutare Spot a comprendere semanticamente il suo ambiente.

Gli sviluppatori realmente interessati a testare le loro creazioni con Spot dovranno poi entrare a far parte dell’Early Adopter Program, che gli consentirà di ricevere fisicamente il robot e fargli eseguire il codice sviluppato. Ma da oggi chiunque potrà accedere all’SDK e gli attuali early adopter possono rendere il proprio codice open source.


L’SDK sarà aggiornato per stare al passo con le funzionalità che Boston Dynamics integrerà nelle nuove release del software.

Il Mythbuster Adam Savage lo sta testando

Per promuovere il suo Spot, Boston Dynamics ha incaricato Adam Savage, il noto “mythbuster” statunitense, di passare un anno con Spot, che ha già pubblicato un primo video.

Nel corso dell’anno, Savage lavorerà con Spot per dimostrare la flessibilità della piattaforma realizzando una serie di applicazioni particolari.

 

A maggio la prima conferenza degli utenti di Boston Dynamics

Bostoin Dynamics ha anche annunciato che dal 12 al 13 maggio chiamerà a raccolta a Boston, nel Massachusetts, tutto l’ecosistema globale dei fornitori di sensori per Spot, degli sviluppatori di software e degli utenti finali offrendo presentazioni, workshop pratici e occasioni di networking. L’evento, che si chiamerà Actuate, sarà solo su invito per chi fa parte dell’ecosistema.

Chi è interessato a partecipare, deve fare richiesta per aderire al programma Early Adopter.

“I primi utilizzatori di Spot hanno avuto la possibilità di mettere le mani su Spot già da alcuni mesi e stiamo vedendo che i primi utilizzatori vogliono riunirsi per costruire soluzioni sulla piattaforma”, ha dichiarato Michael Perry, VP di Boston Dynamics, Business Development di Boston Dynamics.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 1131 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.