Packaging, Marchesini acquisisce la software house Auteco e annuncia due partecipazioni

Marchesini Group, forte di un 2019 chiuso con un fatturato consolidato pari a 441 milioni di euro, acquisisce Auteco Sistemi Srl, software house pavese operativa nella creazione di soluzioni nel campo dell’automazione, del controllo di processo e della digitalizzazione dei flussi operativi.

Già nel 2017 con l’entrata di SEA Vision nella galassia Marchesini si era avviato il progetto AI (dedicato all’Intelligenza Artificiale e all’Industria 4.0), proseguito con l’arrivo di Proteo Engineering nel 2018. Queste acquisizioni si inseriscono nella strategia sempre più vitale di interconnettere la meccanica con la robotica ed il software, la manifattura con la digitalizzazione e l’Intelligenza Artificiale. L’obiettivo, uno dei leit motiv della filosofia Industria 4.0, resta quello di riuscire a trasformare le linee produttive per consentire il controllo centralizzato della produzione, il tracciamento e la condivisione verso l’interno e l’esterno dei dati di qualità e, infine, le operazioni di manutenzione predittiva.

E a proposito di digitalizzazione, Marchesini tra febbraio e giugno è stata in grado di effettuare oltre 50 collaudi virtuali, che hanno permesso di rispettare i tempi di consegna dei macchinari e mantenere stabili le prospettive economiche aziendali.

Le due partecipazioni

La prima azienda partecipata è la pianorese Carlo Corazza S.r.l., storico marchio specializzato in lavorazioni meccaniche di precisione e processi speciali con cui Marchesini vanta una salda collaborazione. Nata negli anni ‘70, Carlo Corazza si è sviluppata nel tempo e oggi impiega 23 collaboratori per un fatturato di due milioni di euro.

Altra realtà partecipata dell’indotto manifatturiero è FVM S.r.l., azienda artigiana toscana (Monteriggioni, Siena) che dal 1992 realizza piccole macchine automatiche e componentistica per il settore farmaceutico, diagnostico, cosmetico ed alimentare. Con l’entrata nella galassia Marchesini, FVM – che dà lavoro a sette collaboratori e ha un fatturato di 800mila euro – consoliderà la già esistente collaborazione con la divisione Marchesini-Corima, tra le principali protagoniste mondiali per la costruzione di linee per il confezionamento di farmaci come vaccini e antitumorali.

Marchesini: “Rafforzare un ecosistema fragile”

Secondo Pietro Cassani, amministratore delegato di Marchesini Group, “queste operazioni permetteranno alle aziende interessate di incrementare la propria quota di mercato e a Marchesini di rafforzarsi ancora su due segmenti imprescindibili per il suo business, quello dell’automazione e del controllo dei processi produttivi. Due settori che avranno per noi sempre priorità perché consentono ai nostri clienti di ottenere un pieno beneficio in termini di performance e qualità delle linee”.

Il presidente di Marchesini Group Maurizio Marchesini, neoeletto vicepresidente di Confindustria con delega alle Filiere e alle Medie Imprese, traccia una prospettiva a medio termine: “È indispensabile, per noi come Marchesini e per l’Italia come paese, che l’intera filiera delle imprese italiane fornitrici venga consolidata per garantirne crescita dimensionale e geografica. Si tratta di un ecosistema prezioso ma fragile, che va supportato con processi aziendali più efficienti, investimenti costanti e sostenibili, un accrescimento delle competenze tecniche e manageriali e con la garanzia di una corretta etica dei comportamenti nei rapporti economici. Senza tralasciare la rimodulazione degli incentivi legati all’Industria 4.0, per rendere la tecnologia disponibile a tutte le aziende”.

Innovation Post

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e in poche settimane si è già affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è un’idea di Franco Canna, che ne è direttore, e Armando Martin, entrambi giornalisti di lungo corso nel settore delle tecnologie per l’industria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.