Fiere, il 28 settembre l’esordio online della nuova piattaforma di SPS Italia

È pronta per il lancio “Contact Place”, la nuova piattaforma ideata da SPS Italia per mettere in contatto, anche in assenza di una fiera fisica, tutti gli attori del tessuto industriale dei settori dell’automazione e del digitale.

In attesa di poter tornare a creare opportunità di business dal vivo, gli organizzatori della fiera mettono a disposizione, a partire dal 28 settembre, una piattaforma online dove si potranno trovare tutti i contenuti creati dalle aziende che espongono a SPS Italia: prodotti, soluzioni, eventi, video on-demand, annunci di lavoro, contatti di esperti di settore o di tecnologie. Sono già oltre 400 i profili aziendali completati e altri lo saranno nei prossimi giorni.

Il 28 settembre sarà anche il primo dei tre giorni degli “SPS Italia Digital Days”, la maratona convegnistica tecnico-scientifica che avrà luogo proprio sulla nuova piattaforma.

Come funziona “Contact Place”

Contact Place sarà la community in cui le aziende, ma anche gli utenti, di SPS Italia potranno creare la propria identità digitale. Più quest’ultima sarà dettagliata (con dati e informazioni di tipo professionale) più sarà possibile ricevere suggerimenti su misura per reperire contenuti in linea con gli interessi indicati.

“Il compito di chi organizza fiere è aiutare espositori e visitatori a creare proficue relazioni di business, mettendo loro a disposizione gli strumenti per favorire connessioni e contatti”, spiega Francesca Selva, Vice President Marketing & Events di Messe Frankfurt Italia. “Con la convinzione che non si possa prescindere dalle relazioni umane e da una dimensione fisica per individuare e creare nuove opportunità, e con la speranza di trainare il rilancio delle manifestazioni nel nuovo anno, SPS Italia Contact Place è il nostro modo di offrire una nuova piattaforma, complementare a quella tradizionale, per perseguire lo stesso scopo anche in questo momento”.

Per ottimizzare la customer experience di tutto il suo network, la realizzazione di Contact Place da parte di SPS Italia si è ispirata a due principi. Quello della ricerca, per trovare in un unico posto specifiche informazioni (con risultati verticali rispetto ai contenuti: prodotto, scheda tecnica, video, contatto di un esperto, job opportunity ecc.), e quello della scoperta, per farsi guidare dalle proposte di potenziale interesse della piattaforma stessa.

“Con 780 anni di esperienza alle spalle il nostro gruppo ha radici profonde ma il carattere di un player che si è adattato alle sfide di ogni tempo”, aggiunge Donald Wich, Amministratore Delegato di Messe Frankfurt Italia. “Si è aperto al mondo quando la parola d’ordine è diventata ‘internazionalità’. Oggi comprende l’importanza del digitale e in pochi mesi ha creato per molte manifestazioni estensioni online, come Contact Place, che anche in futuro accompagneranno le fiere e contribuiranno a consolidare l’incontro tra espositori e visitatori. La strada è tracciata verso una continua e proficua collaborazione tra online e offline. Non abbiamo tuttavia mai perso di vista ciò che più amiamo fare: incontrarci. Il fattore distintivo e più gratificante del nostro lavoro sta nelle relazioni personali e professionali che a partire dai nostri eventi si trasformano in possibilità di business e nuovi progetti”.

Dal 28 settembre la tre giorni dei “Digital Days” di SPS Italia

Partirà proprio su Contact Place, da lunedì 28 settembre, l’evento online di tre giorni “SPS Italia Digital Days”, con un programma (disponibile in fondo all’articolo) ricco di convegni, sessioni scientifiche e incontri di scenario, da fruire live o rivedere on-demand.

La registrazione gratuita agli eventi è disponibile a questo link.

L’evento di apertura (lunedì 28 settembre dalle 10 alle 11.30) è una vera e propria panoramica su trend e mercati dell’industria del digitale e dell’automazione, alle prese con la ripartenza dopo la fase acuta dell’emergenza Covid-19. La tavola rotonda ha come titolo “L’industria che riparte: digitale e automazione al servizio di resilienza e competitività”.

Cosa sta facendo il paese per supportare il sistema industriale e le fiere? Come sta andando il mercato? In quale direzione vanno i Competence Center? Sono solo alcune delle domande a cui risponderanno i relatori, anche attraverso il racconto di esperienze di trasformazione produttiva e case history di riconversione.

Durante l’evento interverranno:

  • Donald Wich, Amministratore Delegato di Messe Frankfurt Italia
  • Fabrizio Scovenna, Presidente di Anie Automazione
  • Alessia Morani, Sottosegretario di Stato presso il Ministero dello Sviluppo Economico
  • Marco Taisch, Professore al Politecnico di Milano e Presidente del Competence Center Made
  • Josef Nierling, Amministratore Delegato di Porsche Consulting
  • Michele Poggipolini, Executive Director di Poggipolini

“Il sistema industriale e imprenditoriale italiano esce dalla fase acuta della crisi causata dal Covid-19 provata ma ancora viva”, dichiara Alessia Morani, Sottosegretario di Stato presso il Ministero dello Sviluppo Economico che, dopo aver ricordato le “risorse ingenti” messe in campo dal Governo per sostenere il lavoro e il tessuto produttivo italiano, pone l’attenzione sulla prossima sfida dell’esecutivo. “Adesso, dopo aver messo al sicuro il tessuto economico, è il momento di ripartire e premere l’acceleratore sulla crescita”, continua. “Grazie all’impegno del presidente Giuseppe Conte e di tutto l’esecutivo, abbiamo a disposizione 209 miliardi del Recovery Plan, una cifra mai vista dal dopoguerra. Risorse che dobbiamo spendere presto e bene, per superare i ritardi che l’Italia ha accumulato negli anni e mettere in moto le enormi energie presenti nel Paese. Nel piano che il governo sta mettendo a punto e che sarà presentato nella sua forma definitiva, secondo quanto stabilito dalla Commissione Ue, all’inizio del prossimo anno, un asse fondamentale sarà quello della digitalizzazione e dell’innovazione, per essere sempre più competitivi nel mercato globale. Una missione che, accompagnata dagli investimenti infrastrutturali e dalla riforma fiscale, darà il necessario sprint all’industria italiana”.

Ricorda invece “l’impatto del lockdown” sui settori produttivi il Presidente di Anie Automazione Fabrizio Scovenna. “In particolare, la mancata consegna delle macchine a causa delle restrizioni anti Covid-19, ha portato alla mancanza di liquidità per le aziende fornitrici”, dice. “Se i primi sei mesi del 2020 hanno fatto registrare una perdita a doppia cifra del fatturato, nella seconda parte dell’anno rileviamo un cambio di rotta che fa sperare in un recupero. Sulla base di questa tendenza, ci aspettiamo di chiudere l’anno con un -8% rispetto al 2019”.

Per Scovenna sono diversi i contributi alla crescita che dovranno arrivare da tutte le componenti socio-economiche. “Un sostegno arriva sicuramente dalle tecnologie abilitanti del processo di trasformazione digitale grazie alle quali è possibile adattarsi ai rapidi cambiamenti del mercato e adottare un nuovo modello organizzativo più efficiente e competitivo”, aggiunge. “In questa fase diventa poi fondamentale riprogrammare i piani governativi a supporto della transizione digitale dell’industria sia dal punto di vista della pianificazione temporale sia in termini di potenziamento delle aliquote che regolamentano le detrazioni fiscali”.

Il 2020 per Marco Taisch, professore al Politecnico di Milano e Presidente del Competence Center Made, “è l’anno in cui le aziende di ogni dimensione hanno compreso che l’Industria 4.0 abilita lo smart working industriale”. Affidando alle macchine il lavoro manuale è possibile dedicare agli operatori i compiti a più alto valore aggiunto. “Chi ha compreso e anticipato il trend di trasformazione e di automazione dei processi non ha avuto gravi conseguenze dal blocco delle attività causato dalla pandemia”, ricorda Taisch. “Per tutti gli altri è necessario un reskilling e upskilling dei lavoratori. Solo in questo modo potremo salvaguardare i posti di lavoro, colmare il divario di competitività e ripartire in sicurezza. Made Competence Center Industria 4.0, mettendo a disposizione le proprie competenze, sta supportando le imprese a cogliere questa opportunità”.

Il programma degli “SPS Italia Digital Days”

digital_days_spsitalia_stampabile

 

L’intervista

La scorsa settimana il Direttore di Innovation Post Franco Canna ha intervistato Francesca Selva, Vice President Marketing & Events di Messe Frankfurt Italia, e Giulio Pizzuto, Digital Marketing Manager di Messe Frankfurt Italia, per farsi spiegare in dettaglio concetto e funzionamento della nuova piattaforma.

Qui di seguito potete vederla, mentre qui potete ascoltarla in podcast.

 

Francesco Bruno

Giornalista professionista, laureato in Lettere all'Università Cattolica di Milano, dove ha completato gli studi con un master in giornalismo. Appassionato di sport e tecnologia, compie i primi passi presso AdnKronos e Mediaset. Oggi collabora con Dazn e Innovation Post.

One thought on “Fiere, il 28 settembre l’esordio online della nuova piattaforma di SPS Italia

  • Programma ricco e intenso, sicuramente da non perdere. Sono felice che l’evento si tenga online perché darà l’opportunità a molti di partecipare. Finalmente un evento che ci permette di confrontarci sul futuro dell’innovazione digitale!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.