La ripresa economica traina l’occupazione: +12% nelle assunzioni programmate a maggio

Sono oltre 389 mila le assunzioni programmate dalle imprese per maggio e arrivano a sfiorare 1,27 milioni nell’arco del trimestre maggio-luglio: è quanto mostra il Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal.

Il bollettino evidenzia un aumento delle imprese che hanno intenzione di assumere rispetto ai dati del mese scorso: si è infatti passati dal 9% di aprile al 12% di maggio. Tuttavia, resta ancora in terreno negativo il confronto con i livelli occupazionali pre-Covid: rispetto a maggio 2019 sono 40mila le entrate complessive programmate in meno (pari a -9,3%), ma le imprese industriali segnalano già oltre 3mila entrate in più (+2,8%).

L’occupazione torna a salire in un clima economico di ripresa

I dati sull’occupazione si inseriscono in un quadro che, seppur ancora cateterizzato dall’incertezza, registra una ripresa delle attività economiche a livello globale.

Nello specifico, si evidenziano segnali di ripresa degli scambi commerciali, trainati soprattutto da Cina e Stati Uniti (come ha confermato l’ultima congiuntura diffusa dal Centro Studi Confindustria), che insieme a un clima di maggior fiducia delle imprese grazie ai recenti allentamenti delle restrizioni anti-Covid, produce per il mese in corso una crescita dei contratti sul mese precedente (+84mila rispetto ad aprile con un tasso di crescita del 27,5%).

I contratti programmati dalle imprese dell’industria per il mese corrente sono oltre 127 mila. Sono alla ricerca di nuovo personale i settori del Made in Italy maggiormente vocati all’export, come la meccatronica e la metallurgia (rispettivamente 20mila e 16mila assunzioni programmate), l’alimentare e il sistema moda (entrambe con 11 mila assunzioni) e il settore della chimica-farmaceutica-gomma-plastica (9mila). Elevata anche la domanda di lavoro delle imprese del comparto costruzioni, che si attesta su circa 46mila assunzioni.

Sono oltre 262 mila invece i nuovi contratti previsti dalle imprese che operano nei servizi, in particolare nella ristorazione e nella filiera del turismo (oltre 67mila ricerche di personale), nelle attività ricreative, culturali e altri servizi alla persona (circa 50mila) e nelle attività commerciali (circa 46mila).

Le figure più ricercate dalle aziende

Secondo i dati del bollettino, le figure più ricercate sono le professioni qualificate nelle attività commerciali e dei servizi (oltre 106 mila ingressi). A seguire, gli operai specializzati (oltre 72 mila ingressi), con un’elevata richiesta di addetti alle costruzioni (oltre 31 mila fra operai specializzati in costruzione, mantenimento e rifinitura) e meccanici, montatori, riparatori e manutentori di macchinari (oltre 10mila).

In termini tendenziali, rispetto a maggio 2019 cresce la domanda soprattutto per le professioni a più elevata specializzazione (oltre 20mila entrate, con un tasso di crescita del 7,5%), in particolare per ingegneri (+7,9%) e specialisti in gestione (+7,4%). In aumento anche la domanda di tecnici in campo informatico (+25,8%) e ingegneristico (+19,8%) e per la gestione dei processi produttivi (+55,7%).

Sul territorio si osserva, infine, come siano il Mezzogiorno (dove sono maggiori le attese per il settore turistico) e il Nord-Est manifatturiero le aree con il più elevato incremento sul mese precedente delle entrate programmate (rispettivamente, +26mila e +24mila ingressi previsti), sebbene proprio nel Mezzogiorno si registri ancora il più ampio divario rispetto ai livelli occupazionali di maggio 2019.

Le difficoltà a reperire i profili ricercati

Una domanda in ripresa che, tuttavia, fatica a incontrarsi con l’offerta. A fine aprile era stata proprio Confindustria, sulla base dei dati Istat ed Excelsior, a lanciare nuovamente l’allarme sul problema della mancanza di profili specializzati (i tecnici con diploma sono giudicati “introvabili”).

Ad essere penalizzato più di tutti è proprio il settore del turismo e ospitalità (dove il 56% dei profili e professionisti cercati non ha trovato candidati e profili adeguati), tra i più colpiti dagli effetti della pandemia.

A livello territoriale, i dati del bollettino evidenziano particolari criticità in alcune regioni del Centro, come l’Umbria, dove il 39,4% dei profili ricercati dalle aziende sono di difficile reperimento. Criticità rilevate anche nel Nord del Paese, in Trentino Alto Adige (37,1%), Valle D’Aosta, Veneto (36,4%),  Friuli Venezia Giulia e Veneto , dove la percentuale di profili difficilmente reperibili ammonta rispettivamente al 36,4%.

Un problema, quello del mismatch di competenze, più volte sottolineato dalle associazioni di categoria e che rischia di frenare la ripresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.