Bosch Rexroth partecipa agli SPS Italia Digital Days 2021, dal 25 al 27 maggio, con un’ampia gamma di proposte, che spaziano dall’automazione alla meccatronica alla robotica. Secondo le previsioni dell’azienda, infatti, a prescindere dalla situazione sanitaria, nel 2021 la domanda di soluzioni di automazione aperte, facili da usare e flessibili continuerà ad aumentare. Le aziende manifatturiere, infatti, saranno costrette a digitalizzare ulteriormente i loro processi per mantenere alta l’efficienza della produzione e le capacità di consegna, anche durante la crisi.

Sistemi di automazione sempre più semplici, aperti e flessibili

In base alle esigenze espresse dai clienti, Bosch Rexroth, si aspetta che nel 2021 aumenti sensibilmente la richiesta di semplicità, apertura e flessibilità di sistemi di automazione che funzionino come un ecosistema. Agli SPS Italia Digital Days non mancherà quindi la piattaforma ctrlX Automation, il sistema – composto da soluzioni hardware e software – caratterizzato da un sistema operativo real time Linux, standard completamente aperti, tecnologia basata su app per la programmazione, engineering basato sul web e connettività IoT completa.

Smart MechatroniX per applicazioni di pressatura

Altra proposta di Bosch Rexroth durante la tre giorni digitale, Smart MechatroniX, una piattaforma di soluzioni per applicazioni di pressatura. Si tratta nello specifico di due moduli – Smart Function Kit for Pressing e Smart Function Kit for Handling – impiegati nelle applicazioni di assemblaggio, che abbinano meccanica ed elettronica a un prodotto software che integra la conoscenza di processo per garantire una rapida messa in servizio.

Il target dei due nuovi moduli meccatronici sono line builder e integratori, ma anche end-user, soprattutto nei settori automotive e del bianco. Le potenzialità applicative spaziano però in ogni ambito in cui siano richieste operazioni di montaggio e manipolazione di componenti.

Smart Function Kit for Pressing è composto da una servopressa su base elettrica per operazioni di pressatura, piantaggio, giunzione e assemblaggio, ad esempio di cuscinetti, parti auto o componenti elettronici.
Smart Function Kit for Handling è invece un sistema meccatronico composto da diversi assi lineari cartesiani che impiega una pinza per prelevare oggetti, spostarli e andarli a posizionare all’interno della linea.

Il concetto alla base dei moduli è il ‘Plug & Produce’, ovvero la facilità e rapidità di messa in servizio. I moduli Smart Function Kit sono preconfigurati, tutto il lavoro è già integrato nel software, progettato per essere semplice e intuitivo, oltre che accessibile anche senza competenze di programmazione. Grazie a un sistema drag & drop è sufficiente trascinare, ad esempio, un movimento, per ordinare alla macchina di spostarsi da A a B in un certo tempo. Avendo poi tutti i parametri della meccanica già inseriti, il software previene anche da possibili errori di impostazione di valori non idonei.

In chiave 4.0, gli strumenti offrono ampia connettività, aperta e scalabile per interfacciarsi con i moltissimi PLC e software in uso nelle aziende, grazie a interfacce quali OPC UA e Rest API. La gestione del software deputato al movimento degli assi nello Smart Function Kit for Handling è assicurata da ctrlX Automation.

La scelta di sviluppare il pacchetto solo con tecnologia elettronica risponde a una specifica tendenza in atto tra i clienti, che per queste applicazioni chiedono sempre più soluzioni full electric. Molti sono i motivi alla base, a partire da un tema di sostenibilità e attenzione all’ambiente che è sempre più sentito nell’industria. Eliminare l’olio significa infatti avere un processo più ‘pulito’, senza rischio di trafilamenti e senza oneri di smaltimento. Altra ragione è la maggiore sostenibilità dei consumi elettrici di queste soluzioni, oltre alla possibilità di implementare logiche di controllo della potenza che si adattano alla reale richiesta della produzione. Infine, le soluzioni elettromeccaniche offrono grande flessibilità e modularità, consentendo di variare istantaneamente la linea produttiva in funzione del prodotto da generare semplicemente premendo un pulsante, esigenza molto presente nel mondo dell’assemblaggio.

Robotica collaborativa nei processi di assemblaggio

Il continuo sviluppo tecnologico sta trasformando le macchine in alleati importanti per il miglioramento della qualità e la salvaguardia degli operatori in ottica “smart production”. E in un’industria sempre più 4.0, la robotica collaborativa e avanzata diventa una prerogativa indispensabile.

A SPS Italia Digital Days 2021 Bosch Rexroth proporrà Apas (Automatic Production Assistant): un robot collaborativo pensato per svolgere in autonomia attività ripetitive o ergonomicamente sfavorevoli con grande precisione e affidabilità garantendo la massima sicurezza per l’operatore.

Apas Assistant è un robot di classe 3 che percepisce la presenza dell’operatore dai 5 ai 10 cm di distanza e gli permette di muoversi in maniera sicura all’interno dell’area di lavoro. Con un raggio d’azione di 1.100 mm e una portata massima di 10 kg può svolgere in autonomia attività monotone o ergonomicamente sfavorevoli con grande precisione. Apas Assistant è dotato di una superficie sensoristica appositamente sviluppata che costituisce la tecnologia base per una sicura collaborazione uomo-robot.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniela Garbillo

Giornalista pubblicista con oltre vent’anni di esperienza di redazione, coordinamento e direzione maturata presso case editrici, gruppi e associazioni in diversi settori, dalle tecnologie alle energie rinnovabili, dall'occhialeria al beauty. Al suo attivo anche importanti esperienze in comunicazione e marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.