Mutti userà la realtà aumentata per velocizzare il cambio formato nelle linee produttive

Visori di realtà aumentata per supportare il lavoro durante il cambio di formato delle linee produttive: Mutti, azienda dell’agrifood che lavora derivati del pomodoro, ha concluso la fase sperimentale del progetto nato in collaborazione con Vection Technologies, multinazionale specializzata nello sviluppo di tecnologia digitale, annunciando che l’iniziativa entrerà ora nel vivo.

Gli obiettivi di Mutti sono garantire rapidità, sicurezza e precisione d’intervento sulle attività di cambio formato: un’operazione sempre più frequente in un’epoca nella quale i lotti si fanno mediamente più piccoli e i formati richiesti dal mercato più variegati.

Grazie alle innovazioni introdotte, il personale non responsabile della linea produttiva è riuscito a condurre le attività nello stesso tempo impiegato dal personale esperto e non ha incontrato alcun problema nella gestione del visore, oltre a comprendere e seguire facilmente le procedure e riattrezzare opportunamente le macchine.

In futuro l’azienda ha in piano di estendere l’utilizzo della realtà aumentata anche ad altre attività aziendali.

Gli obiettivi

L’iniziativa nasce con un duplice obiettivo: da un lato consentire lo svolgimento della procedura di cambio formato in maniera efficiente e nel più breve tempo possibile; dall’altro promuovere la condivisione delle competenze, consentendo al personale di seguire procedure certificate da Mutti, senza mai distogliere l’attenzione dal punto di intervento.

La verifica finale del progetto è stata condotta sulla linea dei formati in vetro e ha coinvolto il personale non responsabile di questa linea produttiva e pertanto non a conoscenza dei flussi di attività da svolgere: guidati da procedure digitalizzate e con l’ausilio dei visori, gli operatori hanno svolto le attività di smontaggio, riattrezzaggio e setup di tutte le macchine senza alcuna difficoltà.

“Portare innovazione laddove vengono adottate pratiche tradizionali è il filo rosso che lega e contraddistingue gli oltre 120 anni di storia di Mutti e questo traguardo è l’ennesimo risultato da annoverare in questo percorso d’avanguardia”, ha detto Giorgio Lecchi, Direttore Industriale di Mutti.

“Investiamo continuamente nella ricerca e nello sviluppo tecnologico a supporto delle nostre attività: nel 2021 abbiamo stanziato un piano di oltre 32 milioni di euro per migliorare i nostri processi interni in termini di qualità, efficienza e sicurezza. L’applicazione della realtà aumentata si inserisce a pieno titolo in questo contesto oltre che nel Piano Nazionale di Transizione 4.0 per gli investimenti in Innovazione Digitale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.