Weidmüller, azienda specializzata in elettronica e collegamenti elettrici con sede a Detmold (Germania), continua la sua strategia di crescita nei settori dell’automazione di processo, connettività, comunicazione e digitalizzazione con l’acquisizione di Emphatec Inc.

Una mossa che va a solidificare una collaborazione, ormai decennale, con un’azienda, Emphatec, specializzata nella progettazione di soluzioni di connettività personalizzate per l’industria di processo, comprese soluzioni specifiche per le aree pericolose.

“È un’accoppiata ideale, che combina le risorse globali di vendita e marketing di Weidmüller e la sua ampia offerta di prodotti ai prodotti innovativi di Emphatec per l’automazione di processo”, commenta Don Robinson, ex proprietario di Emphatec Inc. e ora direttore di Klippon Engineering Canada.

Klippon Engineering è stata fondata da Weidmüller nel 2021 ed può contare su una rete mondiale di competenze di ingegneria e assistenza per l’industria. Con un proprio team di vendita, esperti di applicazioni, siti di produzione e di montaggio degli affiliati, verranno sviluppate, certificate e implementate soluzioni specifiche per i prodotti e le applicazioni.

“Con i nostri sessant’anni di esperienza, siamo al fianco dei nostri clienti come partner competente in numerose aree dell’industria di processo. Stiamo rafforzando il nostro impegno in un mercato in crescita, in linea con la nostra tradizione e storia, e ci stiamo posizionando per rispondere alle esigenze future”, commenta Timo Berger, Chief Sales Officer di Weidmüller Group.

“I nostri clienti possono beneficiare di un nuovo centro di competenza globale come estensione dell’ampio portafoglio di gamma di Klippon Engineering. Siamo orgogliosi di chiamare finalmente gli ex esperti della Emphatec membri del nostro team”, aggiunge Jonathan Lane, Amministratore Delegato di Klippon Engineering UK Ltd.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.