Cyber security, volano le aziende italiane: quota tremila e fatturato in crescita

Circa tremila aziende che danno lavoro a trentamila addetti e hanno fatturati in aumento del +59%. È lo scenario delle imprese di cyber security in Italia, fotografato da un’elaborazione di Unioncamere-InfoCamere sui dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio.

I dati indicano che il settore della sicurezza italiano è florido ha proseguito la sua crescita negli ultimi due anni e mezzo, dopo il boom del +300% registrato nel triennio 2017-2019.

I numeri Unioncamere

Secondo l’elaborazione, le imprese anti-hacker italiane sfiorano la cifra di 3.000 unità e continuano a crescere, registrando un incremento del +6,3% negli ultimi trenta mesi.


Negli ultimi anni è proseguito anche l’aumento nel numero degli addetti (più 7.000 tra il 2018 e il 2020), passati da 21.500 a 28.400 unità, corrispondenti a una media di quindici persone per azienda.

La distribuzione regionale

La concentrazione più elevata di aziende dedicate alla cyber security si registra nel Lazio, dove al 30 settembre scorso avevano sede 679 imprese (il 23% del totale).

Al secondo posto c’è la Lombardia (con 535 imprese residenti alla fine di settembre).

Seguono, per diffusione di imprese anti-hacker, Campania, Sicilia e Veneto (con, rispettivamente, 304, 207 e 194 imprese).

Sul fronte degli addetti, le imprese che hanno creato più opportunità di lavoro sono localizzate in Lombardia, Lazio e Trentino Alto Adige che, con i loro 18.000 addetti, rappresentano il 64% di tutto il settore. La Campania, al sesto posto in questa classifica, è la prima tra le regioni del Mezzogiorno con 1.474 addetti e il 5,2% del totale.

Il valore

Dal punto di vista delle performance finanziarie, analizzando i bilanci delle 815 imprese del comparto costituite nella forma di società di capitale e che hanno presentato il bilancio negli ultimi tre anni (il 32% del totale), nel 2020 il valore della produzione è stato di quasi 3 miliardi di euro, in crescita del 58,8% rispetto a quello realizzato dalle stesse imprese nel 2018. In media, ciò equivale ad un valore della produzione di circa 3,7 milioni di euro pro-capite per le aziende della cyber-security tricolore.

Con 1.3 miliardi (il 44,8% del totale), è il Lazio che si colloca sul gradino più alto del podio per fatturato realizzato dalle imprese del comparto. Solo seconda la Lombardia con 754 milioni, mentre la terza regione, molto distaccata, è l’Emilia-Romagna (294 milioni).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.