Macchine per legno-arredo, il settore torna ai livelli pre-Covid e la crescita proseguirà anche nel 2022

Il 2021 è stato un anno particolarmente positivo per i costruttori italiani di tecnologie per l’industria del legno e del mobile: è quanto evidenzia il consuntivo elaborato dall’Ufficio studi di Acimall, l’associazione che riunisce i costruttori italiani che operano all’interno di questo settore.

Il 2021 ha infatti registrato una crescita della produzione del 36,9% sul 2020 (anno che aveva fatto registrare una perdita di produzione dell’11,6% sul 2019), per un valore di 2.530 milioni di euro.

Molto bene anche le esportazioni, che raggiungono i 1.740 milioni di euro (con una crescita del 30,8% sul 2020 e del 10,1% sul 2019), con un mercato interno che mostra concreti segni di vitalità, avendo raggiunto nel 2021 un valore di 790 milioni di euro, in crescita del 52,5% sul 2020 e del 15,1% rispetto al 2019.

Crescono anche le importazioni, che si sono attestate a quota 244 milioni di euro, il 59,4% in più rispetto al 2020 e il 21,4% in più rispetto al 2019.

Dato positivo – come tradizione, alla luce della fortissima propensione all’export delle aziende italiane – anche per la bilancia commerciale, che è pari a 1.496 milioni di euro (+ 27,1% sul 2020 e + 8,5% sul 2019). In aumento anche il consumo apparente: 1.034 milioni di euro, + 54,1%  sul 2020 e + 16,5% rispetto al 2019.

Dati che riportano il settore ai livelli pre-Covid, chiudendo così un biennio difficile e che si è superato non solo grazie agli incentivi per gli investimenti, come spiega Dario Corbetta, Direttore di Acimall.

“Gli incentivi statali hanno indubbiamente giocato un ruolo significativo, ma non hanno ‘snaturato’ la tendenza del mercato: la crescita a cui stiamo assistendo si fonda non solo sulla ‘componente incentivi’, che ha più che altro determinato una concentrazione temporale delle decisioni di investimento, ma anche su un evidente rimbalzo strutturale, che ha riportato il mercato alle normali linee di sviluppo”, commenta.

Una tendenza di crescita che, secondo Acimall, dovrebbe proseguire per l’anno in corso, anche se le difficoltà di approvvigionamento e gli interrogativi legati al conflitto russo-ucraino e all’andamento della pandemia mondiale di Covid-19 potrebbero scombinare le carte.

“Ci sentiamo di tranquillizzare quanti temono che l’andamento attuale sia generato dagli incentivi disponibili e che una volta chiusa questa ‘finestra’ ci troveremo davanti a un periodo di stagnazione della domanda. Una convinzione sostenuta dai dati economici relativi ai primi mesi del 2022 che indicano chiaramente una crescita strutturale del settore, destinata a durare”, aggiunge.

Esportazioni per ora non colpite dal conflitto tra Russia e Ucraina

I dati consolidati relativi al 2021 permettono anche qualche altra considerazione sulle esportazioni italiane che sono complessivamente cresciute sia rispetto al 2020 che al 2019. Guardando all’attualità è possibile innanzitutto dire che la crisi russo-ucraina ha determinato per ora una limitata contrazione delle esportazioni.

Russia, Ucraina e Bielorussia assorbono, complessivamente, una quota limitata delle esportazioni italiane, valutabile attorno al 5% del totale. Esportazioni che peraltro sembrano proseguire, pur con un sensibile rallentamento.

Da segnalare che molte delle macchine per la lavorazione del legno – non rientrando nella categoria “Dual Use”, dunque utilizzabili anche per la produzione di materiale bellico – non sono interessate dall’embargo in atto, al contrario di tutte le parti di ricambio che ne sono invece colpite. Al momento l’operatività bancaria, pur con qualche ostacolo, non ha subito interruzioni, grazie agli istituti russi che possono continuare a operare.

Venendo ai dati 2021, è possibile stilare una classifica dei Paesi più interessati alla tecnologia per il legno e il mobile “made in Italy”. Una classifica che, a dire il vero, non mostra grandi sorprese, ribadendo ancora una volta la stabilità degli scenari in cui la produzione italiana è particolarmente apprezzata.

Fra questi al primo posto gli Stati Uniti (164,2 milioni di euro, +13,9% sul 2020), seguiti dalla Francia (118,2 milioni, +10,3%) e dalla Polonia (110,6 milioni di euro, +34%). La Germania si colloca al quarto posto fra i nostri “Paesi clienti”, comperando macchine italiane per 106,3 milioni di euro (+11% rispetto al 2020).

Seguono Regno Unito (81,3 milioni, +56%), Spagna (76,2 milioni, +62,3%), Russia (67,3 milioni, +102,4%) e Cina, che realizza ordini in Italia per 60,1 milioni con una diminuzione – unico Paese della “top ten” con un dato negativo nel 2021 – del 19%. Chiudono la classifica il Belgio (al nono posto con 56,6 milioni di euro, +18,4% ) e l’Austria (54,5 milioni, +36,6%).

 

Macchine per la lavorazione del legno e del mobile: consuntivo 2021

                                             Valore              Variazione %         Variazione %

                                          (mio euro)             2021/2020             2021/2019

 

Produzione                            2.530                    +36,9                    +11,6

Export                                    1.740                    +30,8                    +10,1

Mercato interno                        790                    +52,5                    +15,1

Import                                       244                    +59,4                    +21,4

Bilancia commerciale            1.496                    +27,1                      +8,5

Consumo apparente              1.034                    +54,1                    +16,5

 

Esportazioni italiane macchine per la lavorazione del legno e del mobile

“Top ten” per Paesi di destinazione

 

                                    Valore                Variazione %                Variazione %     

                                 (mio euro)               2021/2020                    2021/2019        

 

Stati Uniti                     164,2                      +13,9                            -17,1

Francia                         118,2                      +10,3                             +4,4

Polonia                         110,6                      +34,0                           +27,1

Germana                      106,3                      +11,2                             +3,9

Regno Unito                   81,3                      +56,0                           +37,3

Spagna                           76,2                      +62,3                             +2,0

Russia                            67,3                     +102,4                           +78,0

Cina                               60,1                       -19,0                              -3,9

Belgio                            56,5                      +18,4                             +0,3

Austria                           54,5                      +36,6                           +30,0

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.