18 maggio, ecco come si riparte tra protocolli di sicurezza e autonomia delle Regioni

Secondo una bozza di decreto per il proseguo della fase 2, a partire dal 18 maggio l’unica condizione per le attività economiche e produttive sarà il rispetto dei contenuti dei Protocolli di sicurezza e delle linee guida nazionali, ma la novità è che si darà più spazio di manovra alle Regioni: la valutazione giorno dopo giorno della situazione epidemiologica nei vari territori, infatti, permetterà di introdurre “misure derogatorie, ampliative o restrittive” rispetto a quelle nazionali, “anche nell’ambito delle attività economiche e produttive”. 

Continua a leggere