Dalla manodopera alla ‘testadopera’: un manifesto tecno-ottimista per l’intelligenza artificiale

L’AI va utilizzata per le sue capacità di elaborazione, mentre agli umani spetta “il compito fondamentale del giudizio sulle elaborazioni, la parte nobile, quello che una persona sa fare meglio”. È così che l’uomo ha la possibilità di essere sempre meno “Manodopera” e sempre più “Testadopera”. Il manifesto in sette punti di Massimo Chiriatti, Nicola Intini, Corrado La Forgia e Paola Liberace.

Continua a leggere