Cingolani: “Valutare in anticipo gli effetti collaterali dell’innovazione, essere realisti e sfatare i falsi miti”

Secondo il nuovo ministro per la Transizione ecologica, Roberto Cingolani, le nuove tecnologie possono migliorare il modo di lavorare, produrre, spostarsi, vivere; ma al tempo stesso hanno anche effetti e conseguenze – come la produzione di inquinamento, rifiuti di ogni genere, o la rottura di sistemi ed equilibri precedenti – che non si possono e non si devono ignorare. L’innovazione tecnologica e produttiva vanno portate avanti senza ignorarne le conseguenze negative. Anzi, è importante gestirle prima per non dover ‘rincorrere’ quando è troppo tardi

Continua a leggere