Nel corso di una tavola rotonda organizzata da Messe Frankfurt Italia stamattina presso la sede del Corriere della Sera, che ho avuto il piacere di moderare, si è discusso di Tecnologia e Professionalità per la quarta rivoluzione industriale. Nella parte dedicata a Safety e Cyber Security è intervenuto Andrea Zapparoli Manzoni del Clusit. Il suo intervento è stato molto apprezzato dalla platea. Tra i tanti spettatori sedeva anche Francesco Tieghi di ServiTecno, che ha preso spunto dall’intervento di Zapparoli Manzoni per scrivere un bel post su LinkedIn, che riportiamo volentieri qui su Innovation Post.


Una statistica interessante citata da Andrea Zapparoli Manzoni, uno dei maggiori esperti di Cyber Security in Italia, e un paragone con lo stato dell’arte delle tecnologie odierne: l’85% di chi ha comprato un’automobile tra il 1900 e il 1910 è deceduto in un incidente stradale.

Questo perché, pur avendo già potenti motori a scoppio, i sistemi frenanti erano ancora i medesimi usati per le carrozze, i cerchioni erano in legno, le strade non asfaltate e “last but not least” non esisteva un codice della strada (non esistevano nemmeno cinture e specchietti retrovisori, ma non vorrei dilungarmi).

L’IoT (o industry4.0 o industrial internet, come volete chiamarlo) è l’automobile del 1900: ci sono già motori potentissimi, ma i sistemi frenanti, le infrastrutture e soprattutto la cultura sono notevolmente arretrati.

Torniamo alle automobili, ma parliamo di quelle di oggi: chi compra un’utilitaria nel 2016 non sta certo a sindacare se dei 10.000 euro di spesa totale, circa 5.000 sono relativi alla security.

Chiedereste al concessionario di smontarvi le cinture di sicurezza o il sistema ABS per risparmiare? Ovviamente no, ma anche fosse possibile le normative nazionali e internazionali ve lo impedirebbero.

I continui e sempre più sfacciati attacchi informatici degli ultimi mesi (San Francisco, Germania, Inghilterra ecc.) erano impensabili o almeno improbabili fino a quando non sono stati messi in atto: ecco, queste sono le vittime degli incidenti sulla nuova rete stradale, ovvero Internet.

Fino a quando i vari enti statali e internazionali non trasformeranno direttive e normative in norme giuridiche, gli unici che si salveranno saranno gli early adopter, ovvero coloro che prima degli altri non ne faranno una questione legale ma di buonsenso.

L’automazione del cyber crime ha portato alla creazione di sistemi che sniffando la rete trovano punti di accesso ai sistemi, punti di accesso che l’internet delle cose hanno reso infiniti e connessi direttamente o indirettamente ad intere architetture aziendali: il telefonino del figlio del CEO è un potenziale punto di accesso, per il semplice motivo che padre e figlio a casa si connettono tramite il medesimo WiFi.

Il concetto di “security by product” non è più sufficiente: non esiste un sistema frenante che vada bene per tutte le automobili. Molto più efficiente invece la “security by design”.

Come bisogna agire dunque? Innanzi tutto bisogna essere certi di conoscere la propria architettura nel profondo, rilevando tutti i potenziali punti di accesso al sistema e le modalità con cui i dati vengono raccolti, storicizzati e distribuiti.

Una mappatura completa del sistema e un’analisi dei flussi di traffico possono essere il modo per rilevare eventuali intrusioni, anomalie o problematiche già in corso, definendo dunque le “regole di ingaggio” e allarmi-retroazioni-procedure che all’infrangere delle stesse devono essere messe in pratica.

Chi vende soluzioni software difficilmente rilascia una certificazione di sicurezza del proprio prodotto: un po per assenza di leggi a riguardo, un po perché la singola piattaforma è solo un mattoncino del grande muro che compone l’architettura di sistema.

Esistono però modalità per testare il proprio sistema e certificarlo: la certificazione più autorevole al momento è l’Achilles Test, nato nel mondo oil&gas e che sta trovando interlocutori in tutti settori dove c’è processo.

Vuoi approfondire la tua conoscenza sull’Achilles Test? Vuoi capire meglio come proteggere i tuoi impianti e la tua architettura? Segui i link sottostanti.

Achilles Test

Cyber Security by design

Francesco Tieghi, ServiTecno Srl

Innovation Post

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e in poche settimane si è già affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è un’idea di Franco Canna, che ne è direttore, e Armando Martin, entrambi giornalisti di lungo corso nel settore delle tecnologie per l’industria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.