Si indossa come un guanto e raccoglie dati: sul mercato arriva HyWear compact

HyWear compact di Feig Electronic, distribuito in Italia da Rfid Global, è un dispositivo wearable ergonomico dedicato alla raccolta dati che rileva barcode 1D/2D e tag Uhf Rain Rfid. Si indossa come un guanto e lascia le dita, le mani e le braccia dell’operatore libere di muoversi.

Il formato dell’HyWear compact permette di risparmiare svariati secondi nell’identificazione del codice a barre o del tag Rfid, poiché alcune operazioni, come impugnare un dispositivo e attivare lo scanner, sono eliminate. La semplice presa dell’oggetto da parte della mano equipaggiata con l’HyWear compact genera l’acquisizione dei dati, evitando movimenti dispendiosi in termini di tempo e inutili carichi di lavoro.

Un altro quid performante del device wearable è il WLan roaming, ossia la capacità di transitare in modo automatico da una cella radio a un’altra senza bisogno di login: l’apparato si connette in modo trasparente al nuovo nodo Wlan, integrandosi perfettamente nel processo di comunicazione esistente.

La batteria supporta HyWear compact lungo l’intera durata della giornata lavorativa e può essere facilmente sostituita da una batteria carica: una simile modularità nel design assicura, tra i vantaggi, anche la riduzione dei costi di manutenzione. L’apparato wearable è disponibile in 3 varianti, per identificazione tramite barcode, Rfid Uhf (865 – 928 MHz) oppure entrambe (variante ibrida).

In particolare, la versione ibrida ingloba un reader modulo Rfid prodotto da Feig Electronic, mentre il barcode è attivato da un apposito trigger posto sul dito indice del guanto, cambiando dopo un determinato periodo di non-uso per ridurre il consumo energetico. Oltre al WiFi 2.4 GHz / 5 GHz con funzione di roaming, HyWear compact comunica via Bluetooth 5.0, mentre per la trasmissione wireless dei dati raccolti al sistema Erp è disponibile l’Sdk.


Obiettivo: libertà

HyWear compact vuole essere un tool utile laddove gli operatori muovono a mano oggetti (picking, packing) raccogliendo nel contempo i dati: raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta, logistica di magazzino, produzione, gestione bagagli e consegna di pacchi sono alcuni esempi significativi.

Il device è pensato infatti per garantire la piena libertà di movimento dell’operatore e, nel contempo, un’accurata data collection.


Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

Nicoletta Pisanu ha 482 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Nicoletta Pisanu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest