Smart Project di Omron, di Matera i vincitori della XIII edizione

Il progetto Linea produttiva di scelta e identificazione prodotti, elaborato dal team del professor Michele Centonze con gli studenti Nicolas Nicoletti e Niklas Sallali dell’IIS G. Pentasuglia di Matera si aggiudica il primo posto al Trofeo Smart Project, la competizione, organizzata annualmente da Omron in associazionae con il Ministero dell’Istruzione, e che quest’anno ha visto uno svolgimento anomalo, tutto online e senza la tradizionale prova di automazione riservata agli studenti.

Al secondo posto si è collocato il progetto Automatic Paper Production presentato da Matteo Martini e Francesco Ratti con il coordinamento del professor Roberto Biasci dell‘IIS Domenico Zaccagna di Carrara. Al terzo posto si è piazzato Processo di riciclaggio del vetro, esposto da Davide Patriarca e Alessio Di Bona con il coordinamento del professor Giuseppe Varone dell’ITIS MOVM Morosini di Ferentino.

Giancarlo Raspa e Luca Babboni dell’ITTS O. Belluzzi – L. Da Vinci di Rimini sono invece stati eletti dalla giuria di giornalisti e dirigenti quali migliori comunicatori.

La decisione da parte del Ministero e di Omron di portare a termine il Trofeo anche quest’anno, nonostante le palesi note difficoltà, ha trovato nelle scuole partecipanti la stessa determinazione, a testimonianza di una volontà comune di valorizzare il lavoro dei ragazzi che è stata in grado di trasformare in un successo una prova così ardua.

La finale in Web Event

A causa del mancato svolgimento del test di automazione, la classifica quest’anno è stata determinata esclusivamente dalla posizione raggiunta dai progetti selezionati.

La cerimonia si è svolta quindi nel formato del Web Event che ha visto in collegamento fino a 160 persone per assistere all’esposizione e alla premiazione dei progetti più meritevoli.

Alle ore 14 di mercoledì 27 maggio si è aperta la sessione e dopo i consueti saluti dei dirigenti Omron, Massimo Porta a Andrea Nespoli e del Ministero dell’Istruzione Maria Assunta Palermo e Massimo Esposito, si è partiti con le esposizioni dei progetti da parte dei due ragazzi portavoce introdotti dal professore coordinatore.

Due gli istituti che hanno approcciato per la prima volta il Trofeo: l’ITT Altamura Da Vinci di Bari e l’ITTS O. Belluzzi – L. Da Vinci di Rimini, quest’ultimo entrato in finale con il progetto Impianto di riciclaggio  (coordinatore professor Gabriele Taddei) e a cui è stato assegnato un premio speciale già introdotto o scorso anno.

Sysmac Studio

Un’edizione molto speciale per il Trofeo Smart Project non solo per la modalità di svolgimento della finale in Web Event ma soprattutto perché si è trattato della prima edizione in cui i progetti dovevano essere elaborati con la piattaforma software Sysmac Studio.

Da quest’anno, infatti, dopo 13 anni di servizio hanno sostituito lo storico software CX-One per abbracciare anche nel mondo educational la più moderna e performante suite Sysmac Studio.

Un cambiamento epocale che ha richiesto un grande impegno aggiuntivo sia da parte dei formatori Omron sia da parte dei docenti e degli studenti che hanno dovuto approcciare uno strumento completamente nuovo e farlo proprio in pochi mesi, per poter presentare in tempo utile il progetto concorrente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.