Undicesima olimpiade dell’automazione di Siemens, ecco tutti i premiati

Un distributore automatico di vernice per auto, un progetto completo di Industria 4.0 governabile da smartphone, l’introduzione dell’interfaccia vocale nei sistemi aziendali. Siemens ha premiato le idee più creative e smart proposte dai giovani talentuosi che hanno partecipato all’undicesima edizione delle Olimpiadi dell’automazione. Sono sedici gli istituti arrivati in finale: vediamo i nomi delle scuole vincitrici.

Olimpiadi 2020 tutte digital

L’evento di quest’anno si è svolto tutto in digitale a causa dell’emergenza sanitaria. I progetti sono stati portati avanti dagli istituti partecipanti con resilienza nonostante i mesi di lockdown. Una caratteristica apprezzata anche da Claudio Picech, CEO di Siemens Spa: “Una caratteristica che dovrete portarvi dietro anche nel mondo dell’università e del lavoro”, ha spiegato, sottolineando come gli studenti e i loro insegnanti abbiano dimostrato “di essere aperti e positivi al cambiamento”.

Obiettivo del concorso, diffondere la cultura dell’innovazione, come ha spiegato Giovanni Busetto Head of digital industries di Siemens Spa: “Pensiamo che il nostro sia un Paese manifatturiero e non c’è mai stata così forte la crescita di cultura tecnologica nelle scuole prima dell’università”, ha spiegato sottolineando come i ragazzi siano “pronti ad affrontare il mondo industriale con una percezione della digitalizzazione diversa da quella che avevamo noi”.

Categoria Junior

Nella categoria junior sono stati inclusi gli istituti che non hanno mai partecipato alle precedenti edizioni o che pur partecipando non erano stati premiati. I vincitori sono:

  • Primo classificato IIS Andriano di Castelnuovo Don Bosco in provincia di Asti. I ragazzi hanno prodotto un servizio web per la gestione remota di un impianto industriale tramite smartphone. L’interfaccia dell’operatore e la supervisione del processo sono gestite da un’applicazione di realtà aumentata.
  • Secondo classificato IIS P.A. Fiocchi di Lecco. Gli studenti con il progetto PA.CO. Palletising & Controlling si sono occupati del revamping in chiave 4.0 di un macchinario automatico già esistente a scuola che si occupa di prelevare e ordinare i vassoi.
  • Terzo classificato ITT Altamura Da Vinci, con il progetto Eco Easypaint. L’obiettivo era realizzare un prototipo di distributore automatico per vernice auto.

Categoria Senior

Nella categoria senior sono saliti sul podio:

  • Primo classificato IIS Galilei-Artiglio di Viareggio con il progetto Elettra. L’idea combina le peculiarità di strumenti informatici open source come il Python con le peculiarità del PLC Siemens su sistemi industriali esistenti per fornire il servizio aggiuntivo dell’interfaccia vocale.
  • Secondo classificato IIS Da Vinci – De Giorgio di Lanciano con il progetto GAIA Green house Autonomous Interactive Application
  • Terzo classificato IIS Corni di Modena con “Ghirlandina … Just in time”.

Categoria comunicazione

Premiati anche gli istituti che si sono distinti per la capacità di comunicare le proprie idee: IIS Da Vinci – De Giorgio e l’ITS Meccatronico di Lanciano hanno vinto con la narrazione proposta per Gaia – Green house Autonomous Interactive Application.

Ulteriori premi

Per lo sforzo profuso e per le condizioni eccezionali in cui il concorso quest’anno si è svolto, Siemens ha deciso di riconoscere un premio, oltre ai sei vincitori, anche alle scuole che non si sono qualificate con un pacchetto di venti licenze del software di punta di Siemens per l’automazione industriale e a tutte quelle che pur essendosi iscritte non hanno potuto presentare il loro elaborato con uno sconto sui prossimi investimenti di laboratorio.

“Ci teniamo davvero molto a ringraziare tutte le realtà scolastiche italiane che si sono iscritte, sia quelle che hanno vinto grazie a tenacia e resilienza sia quelle che hanno lavorato finchè gli è stato possibile”, ha dichiarato Andrea Maffioli, Head of Factory Automation di Siemens.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.