Da Elettric80 Unicorn, l’AGV per la movimentazione automatizzata nel settore della carta-tessuto

Un sistema di movimentazione automatica all’avanguardia per garantire l’ottimizzazione e la sicurezza delle operazioni lungo tutta la supply chain grazie alla totale integrazione dei flussi intralogistici all’interno delle smart factory del tissue. Elettric80 lancia sul mercato internazionale Unicorn, il nuovo modello di veicolo a guida laser specializzato nella movimentazione automatizzata delle bobine madri nel settore della carta-tessuto, ideato in ottica anti-spreco e a tutela della qualità del prodotto finale.

Brevettato dall’azienda di Viano (Reggio Emilia), il sistema automatico Unicorn permette di raggiungere tre obiettivi fondamentali:

  • zero danno alla bobina madre;
  • ottimizzazione del 6-7%, stoccaggio a magazzino e riducendo drasticamente l’effetto camino in caso di incendio;
  • movimentazione automatica dell’anima della bobina.

Unicorn è frutto della lunga esperienza maturata dal Gruppo con le imprese clienti in ambito tissue: per queste, Elettric80 ha già implementato in tutto il mondo 900 LGV, oltre 600 linee robotizzate, circa 200 fasciatori e diverse fabbriche con magazzini ad alta intensità.

“Questo settore è stato una rampa di lancio importantissima per la nostra avventura industriale, cominciata proprio da qui nei primi anni Novanta”, ricordano Enrico Grassi e Vittorio Cavirani, rispettivamente presidente e vice presidente del Gruppo Elettric80. “Grazie alla profonda conoscenza maturata attraverso l’aggiornamento costante delle competenze e lo sviluppo di tecnologie specifiche, supportiamo da sempre le aziende nel raggiungimento dei propri obiettivi di efficienza e sostenibilità dei processi contribuendo al miglioramento del servizio offerto al consumatore finale. Accompagniamo nel tempo la loro crescita permettendogli non solo di rispondere ma spesso anticipare le nuove sfide provenienti dal mercato”.

Le innovative funzionalità di Unicorn si aggiungono ai vantaggi già acquisiti grazie allo sviluppo dell’ampia gamma di Automated Laser Guided Vechicle. Il sistema può sollevare bobine pesanti fino dalle 3 alle 5 tonnellate con un diametro di 3 metri, impilandole in verticale fino a tre livelli, raggiungendo come altezza finale i 9 metri; in questo modo, è possibile gestire quasi ogni tipologia di bobina.

Il nuovo sistema di movimentazione è dotato di due perni che agiscono all’interno dell’anima della bobina e con i quali si può prelevare e depositare la bobina con asse sia verticale che orizzontale.

Il primo perno è espandibile e permette di sollevare la bobina dall’interno, mentre il secondo viene inserito nella parte inferiore della stessa, per supportarla e permetterne la rotazione. Questo sistema garantisce i massimi standard di qualità delle bobine madri, evitandone lo schiacciamento per azione di presa a pressione e non rovina la carta, mai toccata lungo tutto il processo di deposito e di prelievo.

Dal momento che non c’è più il contatto con la superficie esterna delle bobine, queste ultime possono essere consegnate e stoccate automaticamente, senza ulteriori interventi, mantenendone intatte le condizioni. Tale efficienza si traduce nella pressoché totale riduzione degli sprechi causati dal deterioramento del prodotto e in un’ottimizzazione degli spazi a magazzino pari al 6-7%, potendo rilasciare ciascuna bobina a diretto contatto l’una con l’altra, ottimizzando la sicurezza in caso di incendio.

L’ultimo arrivato nella flotta veicoli automatici a guida laser, infine, è in grado di movimentare in automatico l’anima della bobina, un’operazione oggi gestita quasi esclusivamente a mano.

Tale funzionalità si aggiunge ai già altissimi livelli di efficienza garantiti dagli LGV che assicurano la massima integrazione delle operazioni intralogistiche all’interno delle fabbriche e la tracciabilità di tutti i processi.

L’alimentazione con le batterie al litio, realizzata dal nostro partner Flash Battery, riduce inoltre i consumi energetici oltre il 25%.

Altro elemento decisivo, l’incremento della sicurezza all’interno dell’impianto: da sempre tutti i modelli di Agv/Lgv di Elettric80, compreso Unicorn, sono infatti equipaggiati con sistemi tecnologici addizionali rispetto a quanto imposto dalle normative internazionali. Partendo da queste premesse, il Gruppo ha recentemente sviluppato e brevettato in tutto il mondo un dispositivo anticollisione, SmartDect, che impiega in modo innovativo la tecnologia a banda ultralarga (Uwb, ultra-wide band), aumentando la capacità di Agv/Lgv di rilevare persone e veicoli manuali in movimento nell’area circostante, riducendo e spesso eliminando i rischi legati a potenziali situazioni di pericolo derivanti da comportamenti scorretti o non prevedibili.

Ogni veicolo è infatti dotato di antenne che comunicano in tempo reale con i tag identificativi indossati dagli operatori e posizionati su veicoli a guida manuale; il sistema permette ad ogni Agv/Lgv di rilevare i tag tracciandone posizione, velocità, direzione di movimento.

L’Agv/Lgv, localizzando il tag nell’area circostante, è pertanto in grado di valutare se può esserci una potenziale collisione con il corpo in movimento, e, di conseguenza, rallentare fino a fermarsi o, se la situazione è sicura, proseguendo nel proprio percorso. Al tempo stesso, il wearable fornisce un feedback all’operatore sotto forma di vibrazione, luce intermittente o suono, per avvertirlo di un possibile pericolo in avvicinamento.

SmartDect aumenta considerevolmente la percezione di Agv/Lgv di ciò che si muove all’interno dell’impianto e permette la condivisione delle informazioni con tutti gli altri veicoli automatici presenti nell’area; deve essere sempre utilizzato in abbinamento agli altri dispositivi di sicurezza certificati già in funzione su tutti i veicoli a guida automatica.

Unicorn rappresenta a pieno diritto un ulteriore passo in avanti nella ricerca di Elettric80, ottenuto grazie a un impegno continuo negli ultimi 40 anni nello sviluppo di innovative soluzioni intralogistiche su misura.

Tutto questo concorre ad incrementare l’affidabilità e la sostenibilità della fabbrica guardando al futuro in ottica rigenerativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.