Roboze Argo 1000: super polimeri e compositi per stampa 3D in larga scala

Argo 1000 è stata presentata da Roboze come la prima stampante 3D al mondo con camera calda progettata per produrre parti su larga scala con super polimeri e compositi per applicazioni industriali. La stampante, prima nel suo genere, segna un’enorme trasformazione nel settore della produzione additiva, che ora può offrire parti industriali customizzate e on demand su scala globale.

L’Argo 1000 può produrre parti fino a un metro cubo trasformando radicalmente il modo in cui le industrie, comprese quelle aerospaziali, energetiche, dei trasporti, MedTech e automobilistiche, possono fabbricare componenti più leggeri e di qualità superiore. Utilizzando super polimeri e compositi più sostenibili e performanti come il Peek, il Carbon Peek e l’Ultem AM9085F, Roboze sta riducendo l’attuale tensione sulle catene di fornitura globali e sta rapidamente sostituendo le parti in metallo e i componenti mission-critical per applicazioni estreme.

“Dopo anni di specializzazione in super polimeri e compositi ad alta temperatura e aver aperto il futuro della stampa 3D industriale, siamo entusiasti di presentare la nostra soluzione di punta della serie Production, Argo 1000”, ha detto Alessio Lorusso, Founder & Ceo di Roboze. “Da quando abbiamo annunciato l’apertura della nostra nuova sede in Nord America all’inizio di quest’anno, abbiamo fatto crescere la nostra base clienti globale e investito in R&S per soddisfare la domanda di una stampante 3D a camera calda per super polimeri molto più grande”.

L’azienda è stata all’avanguardia dell’innovazione nel settore della produzione additiva, essendo stata una delle prime aziende al mondo a introdurre il Peek nella stampa 3D. Inoltre, il sistema di automazione industriale dell’azienda e la tecnologia proprietaria basata su ingranaggi (Beltless) permettono la produzione di parti che sono sei volte più precise di quelle realizzate con stampanti a cinghia.

“Siamo andati ben oltre i prototipi e ora stiamo costruendo componenti personalizzati per satelliti in miniatura, ingranaggi per navi militari e parti per aziende che sviluppano l’infrastruttura sostenibile delle nazioni”, ha aggiunto Lorusso. “Le nostre tecnologie assicurano il mantenimento di un preciso controllo del processo attraverso l’automazione di ogni fase di settaggio e calibrazione, con conseguente continua accuratezza, ripetibilità e certificazione di ogni singola parte prodotta”.

Con la sua gamma di soluzioni Production, Roboze ha superato le capacità 3D esistenti e sta superando le aspettative del mercato per le parti personalizzate e su richiesta. L’Argo 1000 sarà disponibile per la distribuzione commerciale nel 2022.

Il sistema Production Argo 1000 include:

  • Camera di lavoro riscaldata e controllata con dimensioni di stampa pari a 1000x1000x1000 mm
  • Controllo del processo alla pari di lavorazioni CNC e stampaggio a iniezione con conseguente precisione e ripetibilità del processo pari al 99,96% delle parti ottenute su più macchine.
  • Drastica riduzione del tempo di produzione con capacità di monitoraggio completo, strumenti di diagnostica remota e manutenzione predittiva
  • Parametri software e aggiornamenti costanti da remoto per continui miglioranti di performance
  • Certificazione di ogni singolo pezzo prodotto, grazie al sistema Print Log System che monitora tutti i parametri utilizzati, le temperature e tutti i fattori in gioco per creare un modello digitale del pezzo prodotto.
  • Stampa di oltre 10 materiali tra cui Peek, Carbon Peek, Carbon PA, Ultem AM9085F.
  • Doppio estrusore con capacità di processare supporti solubili e breakaway
  • Sistema di carico fino a 8kg di materiale con cambio automatico in caso di fine materiale
  • Beltless System per il raggiungimento di precisioni di movimentazione meccatronica fino a 10 micron
  • Piano autolivellante in modo automatico
  • Sistema di autocalibrazione delle testine
  • Gestione del materiale all’interno della macchina con sistema drying e pre-heating con caricamento automatico del materiale e monitoraggio dei livelli di utilizzo
  • Gestione remota della macchina e interfacciamento con sistemi ERP di produzione per il monitoraggio del flusso produttivo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.