Rockwell Automation partecipa al Forum Meccatronica e presenta la macchina Agile

Rockwell Automation parteciperà al prossimo Forum Meccatronica che si terrà il 14 ottobre presso il Padiglione 4 di Fiere di Parma. In tale occasione presenterà la nuova macchina Agile che, oltre ad essere un esempio concreto del concetto di progettazione meccatronica, risponde a tutte le più attuali esigenze del mondo industriale.

Dopo la battuta di arresto causata dalla pandemia si ritorna all’evento fisico e il Forum Meccatronica è la prima opportunità per i maggiori fornitori di soluzioni meccatroniche di confrontarsi in modo diretto, e non più mediato da una webcam, con la realtà industriale di costruttori di macchine e utilizzatori finali che sono alla ricerca delle soluzioni tecnologiche più innovative per un rapido ed efficace ritorno al “new normal”.

Il fil rouge prescelto per questa attesissima ottava edizione è “Progettiamo insieme l’industria smart del futuro“, un tema che verrà declinato secondo due filoni: Progettazione dei prodotti e dei processi e Prestazioni dei sistemi meccatronici.


Rockwell Automation, che ha raccolto l’invito a partecipare alla mostra-convegno ideata dal Gruppo Meccatronica di Anie Automazione e realizzata in collaborazione con Messe Frankfurt Italia, sarà presente nell’area espositiva e con un intervento di Massimiliano Spano, Domain Expert Mechatronics&Drives, nell’ambito della sessione Progettazione dei prodotti e dei processinello slot mattutino dalle ore 10.30-12.45.

Spano illustrerà, dicevamo, le caratteristiche di Agile, una macchina automatica che concentra contenuti che rispondono perfettamente alle esigenze di ogni azienda che opera nel manifatturiero in termini di maggior flessibilità operativa, significativa riduzione degli ingombri, estrema attenzione agli aspetti della sicurezza, così come di un’importante diminuzione dei tempi di cambio formato.

Ma non solo, l’acronimo Agile riassume la sinergia di progettazione meccanica, elettrica ed informatica che avanzano di pari passo, esempio concreto di come tale approccio permetta di superare punti deboli potenzialmente limitanti dal punto di vista prestazionale e sovraccosti derivanti dalla scelta di componenti sbagliati o sovradimensionati.

“Agile – dice Spano – sottende la realizzazione di macchine rivoluzionarie basate su ciò che di meglio la Digital Trasformation e le innovative tecnologie meccatroniche mettono oggi a disposizione ed è l’interpretazione più attuale del concetto di sviluppo sinergico di soluzioni e di co-engineering che traggono il massimo vantaggio dall’unione delle esperienze del partner di progettazione e sviluppo e delle competenze del costruttore di macchine industriali, al fine di ottenere sistemi ottimizzati e centrati sugli obiettivi del cliente e del mercato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.