Nasce Prima Additive, lo spin-off di Prima Industrie dedicato alla manifattura additiva

Prima Industrie S.p.A, società specializzata nel settore ad alta tecnologia dei sistemi laser e di lavorazione della lamiera e dei componenti elettronici per applicazioni industriali, ha annunciato di aver completato l’operazione di scorporo della sua Business Unit attiva nel campo delle tecnologie di Additive Manufacturing con il contestuale conferimento della stessa alla società 3D New Technologies Srl (3D-NT).

L’operazione ha avuto luogo tramite sottoscrizione in natura da parte di Prima Industrie dell’aumento di capitale riservato effettuato dalla società 3D-NT la quale ha poi deliberato il cambio della ragione sociale in Prima Additive Srl.

Mediante tale operazione Prima Industrie assume una quota di partecipazione in Prima Additive Srl pari al 50.01%. La società, inoltre, manterrà stretti rapporti di collaborazione industriale con il Gruppo Prima Industrie.

Lo scopo dell’operazione è quello di rendere sinergica l’attività delle due unità oggetto dell’operazione per accelerare il processo di sviluppo e commercializzazione dei prodotti ed i piani di crescita della nuova società che opererà in un mercato con grandi prospettive di sviluppo.

L’operazione è altresì collegata ad un progetto più ampio che prevede l’ingresso in tale società di nuovi investitori per contribuire ai piani di sviluppo del business.

Con oltre 40 anni di esperienza, il Gruppo Prima Industrie vanta circa 14.000 macchine installate in più di 80 Paesi ed è fra i primi costruttori mondiali nel proprio mercato di riferimento.

Il Gruppo conta circa 1700 dipendenti, ha stabilimenti produttivi in Italia, Finlandia, USA e Cina e si avvale di una presenza diretta commerciale e di after-sale in tutto il mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.