Il rinascimento dell’Italia? Passa anche dall’Intelligenza Artificiale. Ecco la strategia italiana disegnata dagli esperti

Le ‘Proposte per una strategia italiana per l’Intelligenza Artificiale’ elaborate dal gruppo di 30 esperti nominati dal Ministero dello Sviluppo Economico tracciano la strada da seguire perché l’Italia possa cogliere i vantaggi offerti dall’Intelligenza Artificiale. Il documento sostiene una visione antropocentrica dello sviluppo tecnologico, evidenzia opportunità e rischi dell’AI, le aree di applicazione prioritarie, le regole e le tutele da stabilire.

Continua a leggere

Intelligenza artificiale, un grande affare per chi la sa usare, ma servono politiche adeguate

Il punto della situazione sulle opportunità aperte dall’AI nel nuovo Report dell’OCSE ‘Artificial Intelligence in Society’. I vantaggi economici per le imprese spiegati da segretario generale Angel Gurría

Continua a leggere

Il guru dell’Intelligenza artificiale Jim Spohrer (Ibm): “Il futuro è dell’open source”

Il direttore del dipartimento Cognitive OpenTech di Ibm al Politecnico di Milano: “Per l’AI occorre sfruttare le risorse in rete e le idee migliori da realizzare”. L’intelligenza artificiale rischia di ampliare il divario tra i Paesi: le nazioni leader potrebbero acquisire ulteriori e importanti benefici economici rispetto a oggi.

Continua a leggere

Intelligenza artificiale, l’OCSE spiega come va sviluppata e usata

Secondo l’OCSE l’Artificial intelligence deve puntare a crescita inclusiva, sviluppo sostenibile, benessere diffuso; deve essere progettata e realizzata in modo da rispettare i diritti umani e i valori democratici; deve funzionare in modo trasparente e sicuro. Coerentemente con questi principi, basati su valori condivisi anche con l’Unione Europea, l’OCSE fornisce anche delle raccomandazioni ai governi dei vari Paesi.

Continua a leggere

Non ci sarà Smart Factory senza Smart Energy

Al convegno milanese organizzato dalla Fondazione Megalia, al centro i temi della sostenibilità energetica nelle aziende, su cui le piccole e medie imprese devono fare ancora molto

Continua a leggere

Pin It on Pinterest