Salvini (Lega): una tassa sui robot per governare il cambiamento

Quando da più parti si è invocata una campagna elettorale che parlasse di più di innovazione, a partire dalla proposta Calenda-Bentivogli, probabilmente non ci si aspettava che a raccogliere l’invito sarebbe stato il segretario della Lega Matteo Salvini. Che lo ha fatto, naturalmente, nel suo stile, in un’intervista rilasciata a Luca Telese e Oscar Giannino durante la trasmissione 24 Mattino (Radio 24).

La questione Amazon

Salvini ha iniziato parlando di Amazon, sottolineando che “finalmente paga le tasse in Italia”. Poi ha detto: “Mi interessa che cresca questa realtà. Mi interessa che garantisca la salute e i diritti dei lavoratori, quindi braccialetti elettronici non ce ne sono e non ce ne saranno. Mi interessa che impatti sul territorio italiano il meno possibile perché ogni pacco che parte da Amazon è un problema per i nostri commercianti e negozianti, quindi voglio quantomeno parità di diritti”.

L’affondo sui robot

“Sono per uno sviluppo organizzato, coordinato, armonico – ha proseguito Salvini – non con un governo che assiste”. Poi l’affondo sui robot. “Stiamo parlando di robotizzazione? Va benissimo, io non voglio fermare la meccanizzazione e lo sviluppo – ha detto – ma se ci sono tre milioni di posti di lavoro a rischio, la vogliamo governare, organizzare, regolamentare? Il robot deve essere un aiuto allo sforzo umano, non deve essere meramente la sostituzione dell’essere umano, altrimenti tra trent’anni in Italia manteniamo ristoranti, le radio e poco altro”.

“Pensa alla tassa sui robot?” chiede Telese. “Assolutamente sì”, risponde Salvini. “L’Italia è all’avanguardia per i brevetti – in Italia ci sono geni e ingegni incredibili – però il futuro va accompagnato, la globalizzazione lasciata libera diventa anarchia”.

Poi arriva anche la spiegazione economica: “Se con la flat tax riduciamo le tasse sulle famiglie e sulle imprese, per le grandi imprese sarebbe opportuno che una parte di questi maggiori utili fossero reinvestiti in formazione, tutele e stipendio per i lavoratori”.

Quando Telese fa notare che la tassa sui robot non è però nei dieci punti del programma del Centrodestra Salvini risponde che “il programma di coalizione sono dei punti in comune, poi Salvini è Salvini e Berlusconi è Berlusconi”.

Insomma, la caccia ai voti degli operai spaventati è aperta.

Bentivogli: Salvini vuole tesaurizzare l’odio

In giornata è arrivato il commento di Marco Bentivogli, segretario generale della Fim Cisl: “Per non fermare il futuro e governarlo non serve un tassa sui robot, ma l’esatto contrario e cioè favorire chi investe in tecnologia, innovazione e formazione, diminuendo le tasse sul lavoro. L’esatto contrario della ricetta di Salvini, che con questa proposta vuole tassare le imprese penalizzando soprattutto quelle Piccole e medie, quelle cioè, che grazie agli investimenti tecnologici si avvantaggerebbero di quella tecnologia necessaria, per essere competitivi perché il costo del lavoro per unità di prodotto è tanto più alto quanto è più piccola è l’impresa“.

Poi l’analisi politica: “Capisco che visti i dati, lo sgomento che si vada esaurendo il dibattito sul migrante come oggetto di paura faccia nascere in Salvini la necessità di trovare altri simboli per seminare paura e tesaurizzare l’odio nelle urne. Ma la tecnologia può essere un gran alleato per l’umanizzazione del lavoro e il rientro di molte produzioni delocalizzate“.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 803 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest