Regione Lombardia, Call per la’Hub innovazione e Sviluppo

Uno stanziamento di 70 milioni di euro di fondi POR FESR 2014-2020 che, secondo le stime, potrà generare circa 140 milioni di euro su progetti di ricerca e innovazione e muovere investimenti attorno a 1,4 miliardi di euro, circa lo 0,5% del Pil di tutta la regione. È questo l’obiettivo della CallHub ricerca e innovazione” approvata dalla giunta di Regione Lombardia su proposta del vice presidente e assessore alla Ricerca, Innovazione, Fabrizio Sala, il cui bando si aprirà a gennaio 2019.

Punto di incontro tra ricerca e innovazione 

La struttura, innovativa della “call” è quella già collaudata, con successo in merito agli Accordi per la Ricerca, promossi sempre da Regione: l’obiettivo dichiarato è, infatti, quello di promuovere sinergie inedite tra filiera della ricerca, sia pubblica sia privata, e mondo produttivo per favorire lo scambio di competenze dall’una all’altro.

“È un bando innovativo che aprirà a gennaio e si chiuderà a fine marzo, poi andrà in negoziazione – ha sottolineato il vicepresidente Sala – e il termine massimo per l’avvio dei progetti è a 30 mesi. Premiamo le eccellenze, le idee che abbiamo nelle università, nei Centri di ricerca e nelle aziende in linea con la nostra impostazione che vede in primo piano il trasferimento tecnologico”.

A chi si rivolge la call

La Call sarà rivolta a Organismi di Ricerca, Università e Imprese aggregati in forma di partenariati, che siano composti da un minimo di tre fino a un massimo di otto soggetti: tra questi almeno uno dovrà essere una PMI e uno un organismo di ricerca.

Ecco le aree di interesse

I progetti proposti dovranno interessare una delle sette aree di specializzazione previste ovvero Aerospazio; Agroalimentare; Eco-industria; Industrie creative e culturali; Industria della Salute; Manifatturiero Avanzato; Mobilità sostenibile. Oppure, i progetti potranno ricadere nel driver trasversale di sviluppo smart cities and communities.

Fino a 5 milioni per progetto

Ciascun partenariato e dunque ciascun progetto potrà ricevere un’agevolazione fino a 5 milioni di euro. L’intensità d’aiuto massima, sia per attività di Ricerca industriale che di Sviluppo Sperimentale  risulta pari al 60% delle spese ammesse per le Piccole Imprese, al 50% per le Medie e al 40% per le Grandi Imprese e gli Organismi di Ricerca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabrizio Cerignale

Giornalista professionista, con in tasca un vecchio diploma da perito elettronico. Free lance e mobile journalist per vocazione, collabora da oltre trent’anni con agenzie di stampa e quotidiani, televisioni e siti web, realizzando, articoli, video, reportage fotografici. Giornalista generalista ma con una grande passione per la tecnologia a 360 gradi, da quella quotidiana, che aiuta a vivere meglio, alla robotica all’automazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.