Nokia ha presentato la seconda generazione della propria Factory in a box nell’Arena 5G della Hannover Messe, in collaborazione con diversi partner industriali. Il container dimostra come le soluzioni di Industry 4.0 possano essere imballate, trasportate e rimesse in servizio in poche ore con la totale connettività.

Factory in a Box 2.0 combina la produzione additiva con la realtà aumentata/realtà virtuale (AR/VR) e la robotica, alimentata da reti Nokia 4G/5G. Il flusso di produzione semiautomatico è ora integrato anche nella Worldwide IoT Network Grid (WING) di Nokia ed è dotato di un Nokia Digital Automation Cloud per la connettività di livello industriale.

L’obiettivo della Factory in a box di Nokia

Gli stabilimenti odierni non funzionano più come operazioni autonome, ma dipendono dall’arrivo puntuale delle materie prime per mantenere il flusso di produzione e la distribuzione dei prodotti finiti ai clienti finali. L’internet degli oggetti globali gioca un ruolo chiave per garantire che i dati sull’intera catena di fornitura possano essere raccolti e resi disponibili, il che è fondamentale in un’applicazione come Nokia’s Factory in a Box. Nokia WING aiuta gli operatori di rete mobile a fornire una migliore esperienza globale dell’internet degli oggetti ai loro clienti aziendali, garantendo la capacità di raccogliere i dati dell’internet degli oggetti da tutte le parti della catena di fornitura, indipendentemente da dove si trovano i dispositivi.

Nokia Digital Automation Cloud si adatta sia ai piccoli ambienti industriali con pochi dispositivi, sia alle grandi aree con più dispositivi da collegare. La sua connettività wireless 4G ad alte prestazioni è ottimizzata per le esigenze industriali e può ospitare applicazioni time-sensitive e stack IoT che richiedono bassa latenza.

Il collegamento a Nokia Wing

Questa piattaforma digitale consente alle aziende industriali di attivare applicazioni come il posizionamento di oggetti ad alta precisione, l’elaborazione video in tempo reale e utilizza funzioni come il taglio della rete locale, spesso richieste nelle soluzioni avanzate dell’internet degli oggetti come i veicoli a guida automatica, l’analisi e la robotica. Si tratta di una soluzione ideale per la fabbrica in un container box 2.0, in quanto può essere spostato in entrata e in uscita e utilizzato con o senza connessione internet.

Grant Marshall, VP Supply Network & Engineering di Nokia ha detto: “Potremmo dire dal feedback positivo che abbiamo ricevuto l’anno scorso sulla Factory in a Box che c’è un grande potenziale per questo concetto nell’industria manifatturiera. Quest’anno, abbiamo alzato la sbarra di nuovo, e Factory in a Box 2.0 è ora collegato a Nokia Wing e ha Nokia DAC a bordo, rendendolo ancora più flessibile, sicuro ed efficiente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.