Bi-Rex e Intesa Sanpaolo insieme per sostenere le imprese nel processo di innovazione

Intesa Sanpaolo ha siglato un accordo con Bi-Rex, il Competence Center dell’Emilia Romagna, per fornire alle alle imprese italiane servizi di consulenza, formazione e analisi.

L’alleanza del gruppo bancario con il centro di competenza bolognese dedicato ai Big Data ha lo scopo dichiarato di “fornire strumenti finanziari, conoscitivi e formativi adeguati alle imprese nella loro transizione verso l’Industria 4.0”.

L’istituto di credito, come socio del consorzio di Bi-Rex, si avvarrà del contributo della Direzione Studi e Ricerche e delle società del Gruppo Intesa Sanpaolo Formazione e Intesa Sanpaolo Innovation Center.

“I Competence Center giocano un ruolo fondamentale per supportare le aziende italiane in un percorso strutturato verso la digitalizzazione e l’innovazione: mettere assieme le eccellenze pubbliche e private rappresenta il nostro tratto distintivo, attraverso il quale siamo in grado di fornire le necessarie competenze e risorse”, dichiara Stefano Cattorini, Direttore Generale di Bi-Rex. “Siamo molto soddisfatti del rapporto con Intesa Sanpaolo, una partnership strategica e un importante valore aggiunto nell’ottica di rafforzamento e consolidamento della nostra posizione, non solo a livello nazionale ma anche in ambito europeo”.

Assieme agli altri sette Competence Center italiani creati con il Piano Industria 4.0, il compito di Bi-Rex è infatti quello di creare aggregazioni tra pubblico e privato per guidare l’innovazione nel tessuto produttivo (con un occhio di riguardo alle PMI). Raccogliendo a consorzio 12 tra università e centri di ricerca, insieme a 45 imprese di eccellenza, Bi-Rex attua programmi di sviluppo per nuovi prodotti e processi, avvalendosi di tecnologie avanzate per l’innovazione e la trasformazione digitale. Tra le attività chiave ci sono i bandi, dedicati ai progetti di innovazione delle imprese, per cui il Competence Center emiliano stanzia 5,4 milioni di euro, la maggior quota di cofinanzamento del Ministero dello Sviluppo Economico riservata ai centri di competenza.

“La partecipazione a Bi-Rex (che vede capofila l’Alma Mater di Bologna e la presenza tra gli altri delle Università di Modena e Reggio, Ferrara, Parma) è per il nostro Gruppo un impegno doveroso per contribuire al rinnovamento dei modelli di trasferimento tecnologico grazie alla ricerca accademica ed a beneficio del mondo imprenditoriale”, spiega Cristina Balbo, Direttrice regionale di Intesa Sanpaolo. “Si tratta di una collaborazione importante che si inserisce nel solco dell’impegno di Intesa Sanpaolo per accompagnare al meglio lo sviluppo e la resilienza delle imprese italiane con una attenzione particolare alle PMI, fornendo loro, oltre ad adeguati strumenti finanziari, anche tutti quei supporti conoscitivi e formativi fondamentali per una proficua transizione verso Industria 4.0 e per competere sui mercati internazionali”.

Francesco Bruno

Giornalista professionista, laureato in Lettere all'Università Cattolica di Milano, dove ha completato gli studi con un master in giornalismo. Appassionato di sport e tecnologia, compie i primi passi presso AdnKronos e Mediaset. Oggi collabora con Dazn e Innovation Post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.