Edge Computing, Schneider Electric estende le partnership strategiche con Aveva, Lenovo e Stratus

Schneider Electric ha annunciato l’ampliamento delle sue partnership per affrontare la convergenza tra il mondo IT (Information Technology) e quello OT (Operational Technologies). Mettendo in contatto gli integratori di sistemi con i fornitori di soluzioni IT per creare soluzioni integrate di edge computing industriale, le partnership hanno portato al lancio immediato di nuovi reference design sviluppati congiuntamente con Aveva e soluzioni integrate di Lenovo e Stratus. I programmi dedicati all’Industrial Edge di Schneider Electric consentono agli integratori di sistemi di creare ancora più valore per l’utente finale, abilitando la trasformazione digitale dei loro clienti.

“La fabbrica intelligente sta diventando più intelligente. Le nostre partnership allargate e i nuovi programmi dedicati all’industrial edge consentono agli integratori di sistemi di sfruttare le loro competenze nel settore e diventare specialisti di convergenza IT / OT e soddisfare queste esigenze per i loro clienti”, ha affermato Philippe Rambach, Senior VP, Industrial Automation, Schneider Electric. “Sappiamo che la produzione intelligente sta portando un’ondata senza precedenti di tecnologie IT negli spazi industriali. Per sfruttare l’intelligenza artificiale, l’automazione dei processi robotici e altre innovazioni, si richiederanno soluzioni di edge computing per ridurre la latenza e consentire la resilienza, garantendo al contempo privacy e sicurezza e rispondendo a importanti requisiti di dati e larghezza di banda”.

I nuovi design per l’industrial edge

Perché gli operatori industriali possano sfruttare i vantaggi di una maggiore automazione, non è sufficiente fare affidamento solo sulla tecnologia cloud per ottenere la resilienza e la velocità richieste da AI, dall’uso di telecamere HD e da altre tecnologie applicate nell’Industria 4.0. I data center edge locali sono spazi dedicati a infrastrutture IT che vengono installati in modo distribuito a livello geografico, così da abilitare degli end-point sulla rete: quando questo tipo di applicazioni è adottato in impianti di produzione o centri di distribuzione, si parla di “industrial edge”.

“L’Industrial Edge è uno dei trend in più rapida crescita dell’automazione industriale e un fattore chiave che sta influenzando la trasformazione digitale”, spiega Craig Resnick, Vice Presidente, ARC Advisory Group. “Per ottenere il Roi nel più breve tempo possibile, i produttori devono misurare correttamente le prestazioni degli asset, identificare rapidamente le aree problematiche e apportare eventuali modifiche cruciali in tempo reale per migliorare drasticamente la loro operatività. E’ a livello di industrial edge che si verifica l’importante acquisizione di dati in loco che servono per tutto questo, ed è qui che l’analisi in tempo reale di questi dati viene eseguita e convertita in informazioni intelligenti, quindi condivisa con il cloud e in tutta l’azienda – risolvendo anche le sfide di latenza e sicurezza degli ambienti di produzione che preoccupano le aziende”.

Schneider Electric ha svelato nuovi design di riferimento per l’industrial edge, sviluppati in collaborazione con Aveva, comprendendo anche le soluzioni di Lenovo e Stratus. I progetti di riferimento sono disponibili nel Local Edge Configurator di Schneider Electric e possono essere personalizzati in base alle specifiche.

Questi nuovi design sono un fattore chiave per il successo dei margini industriali. World Wide Technology trova che “la capacità di preconfigurare piattaforme e dispositivi tecnologici prima che la spedizione aumenta la velocità di implementazione, può ridurre i costi di ingegneria sul campo del 25-40%, aumentare la velocità di elaborazione degli ordini del 20% e ridurre i costi di manutenzione del 7%”.

Basati sui casi d’uso più comuni nell’automazione industriale, i progetti di riferimento riducono il rischio e il time to market con soluzioni EcoStruxure Micro Data Center completamente personalizzabili e pre-integrate per qualsiasi ambiente periferico. Gli integratori di sistemi ridurranno il tempo da dedicare all’architettura IT in sé per dedicarsi invece al software e sulle soluzioni, grazie a soluzioni sicure e validate, progettate secondo gli standard richiesti dai dipartimenti IT.

Le nuove opportunità

L’Edge Computing è una tendenza emergente nel settore industriale che presenta nuova opportunità di estendere il loro modello di business per gli integratori di sistemi, e permette di rafforzare il loro ruolo di consulenti nei dominii OT e IT. Questo nuovo programma di formazione include una serie completa di corsi di formazione digitale per integratori di sistemi su EcoStruxure Micro Data Center, sulle soluzioni IT EcoStruxure e su come possono affrontare le sfide più importanti delle tecnologie edge.

Schneider Electric ha oltre 1.000 partner che fanno parte del programma Alliance System Integrator Partners, leader di settore in 67 paesi e ospita oltre 400 fornitori di soluzioni IT nel suo pluripremiato programma di partnership mondiale già certificati per costruire, implementare e fornire soluzioni di computing all’avanguardia.

“L’ampio ecosistema di partner di Schneider Electric non ha eguali in entrambi i sistemi IT e OT, il che è un vantaggio impareggiabile rispetto alla concorrenza”, ha affermato Pankaj Sharma, Executive VP, Secure Power, di Schneider Electric. “Quando unisci la potenza dell’ecosistema partner con la nostra competenza sulle tecnologie edge e con l’ampiezza della nostra offerta, crei una tripletta vincente per gli integratori di sistemi e per i fornitori di soluzioni IT”.

Gli integratori di sistemi interessati ad accedere ai nuovi progetti di riferimento, al percorso di formazione e alla comunità collaborativa online sono invitati a visitare il portale dei partner di Schneider Electric per ulteriori informazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.