Datalogic punta sulla sensoristica e acquisisce M.D. Micro Detectors

Datalogic rafforza la sua presenza nel mercato dell’automazione industriale con l’acquisizione di M.D. Micro Detectors, azienda con sede a Modena e operante nella progettazione, produzione e vendita di sensori industriali.

Con l’operazione da 37 milioni di euro il Gruppo Datalogic mira a rafforzare la sua presenza nel mercato dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale in Italia, attraverso l’integrazione nel proprio portafoglio prodotti di sensori induttivi e ultrasonici con applicazioni in molteplici settori industriali, tra cui elettronica, farmaceutica, logistica e automotive.

La mossa rientra nel progetto di crescita del gruppo, che vuole consolidare la sua posizione nel settore manifatturiero e che punta a creare un nuovo polo nell’ambito della sensoristica per l’automazione industriale, come spiega l’Amministratore Delegato di Datalogic, Valentina Volta.

“L’acquisizione di una realtà d’eccellenza come M.D., che opera da decenni nella progettazione e produzione di un’ampia gamma di sensori industriali, si sposa perfettamente con il percorso strategico avviato e ci permette di incrementare ulteriormente la nostra presenza nel mercato di oltre 5 miliardi dei sensori industriali, sfruttando le numerose sinergie derivanti dalla combinazione con la nostra offerta di sensori, prodotti per la sicurezza e sistemi di visione”, commenta.

Soddisfazione anche da parte di Marcello Masi, Presidente e Amministratore Delegato di Finmasi di Marcello Masi & C. S.A.p.A., a capo di M.D da 25 anni.

“Il forte contenuto innovativo e tecnologico del Gruppo Datalogic e la reciproca stima con la dottoressa Valentina Volta mi rendono fiducioso sulla capacità di M.D. di continuare e anzi ampliare il suo percorso di crescita con lo stesso spirito imprenditoriale con cui è stata da me condotta fino ad oggi”, commenta.

Con circa 200 dipendenti, M.D Micro Detectors ha chiuso il 2020 con un fatturato di circa 25 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.