Ecco i primi ventiquattro diplomati dell’Academy del competence center Cim 4.0

L’Academy del competence center torinese Cim 4.0 ha sfornato i primi ventiquattro diplomati, tra manager, Ceo, Responsabili dell’innovazione industriale provenienti da tutta Italia. Hanno affrontato un percorso di cinque mesi, per un totale di trecentocinquanta ore di alta formazione tra aula e laboratori.

Il percorso è dedicato a tutti i lavoratori, compresi coloro in fase di ricollocamento, con l’obiettivo di formare figure in grado di guidare e gestire la trasformazione digitale delle imprese. Le lezioni sono iniziate a novembre 2020, coinvolgendo anche le due linee pilota del Cim 4.0 (dedicate a Digital Factory e Additive Manufacturing Metallo) e i centri di eccellenza tecnologici delle imprese consorziate, messi a loro disposizione.

La prima classe è stata composta da lavoratori e lavoratrici provenienti principalmente dall’industria meccanica e dai servizi, accompagnati nel loro viaggio formativo da 42 Technical Fellow, 28 docenti universitari, tutor dedicati ai singoli partecipanti e 5 mentor aziendali. Cinque mesi dedicati all’upskilling e al reskilling in ottica 4.0 di professionisti senior ma anche di 5 borsisti di cui 2 hanno già trovato una nuova occupazione.

Un programma formativo intenso, concentrato sul linguaggio, sulla conoscenza tecnologica e sull’applicazione: le ore di laboratorio infatti sono state finalizzate a realizzare 5 progetti d’innovazione, sperimentabili direttamente nelle aziende coinvolte: Avio-Aero; Stellantis e Mista, Pmi specializzata nella componentistica industriale.

Il diploma consiste in un certificato qualificante di Cim 4.0 e della Scuola Master del Politecnico di Torino, che attesta la preparazione di ciascun partecipante a gestire e guidare le imprese nella transizione al digitale.

“In un periodo come quello attuale, possedere le skill giuste per supportare strategicamente e operativamente le imprese nel loro processo di trasformazione digitale risulta fondamentale non solo in un’ottica di crescita industriale sostenibile ma anche in termini di competitività internazionale”, ha dichiarato Luca Iuliano Presidente di CIM4.0. “Grazie a Cim 4.0 Academy qualunque lavoratore, anche chi è in fase di ricollocamento, può formarsi adeguatamente, in modo teorico e pratico, per poter guidare aziende piccole e grandi nella sfida cruciale della transizione digitale. Oggi 24 persone sono pronte per generare valore industriale. Ma non ci fermiamo qui: nelle prossime settimane partirà una nuova classe della nostra Academy, un modello unico nel panorama nazionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.