W4F, il sensore fotoelettrico miniaturizzato dotato di funzionalità intelligenti

Sick ha presentato il nuovo sensore fotoelettrico miniaturizzato W4F che, grazie a una nuova piattaforma elettronica, apporta numerosi vantaggi prestazionali a questa famiglia di prodotti.

Il sensore rileva in modo estremamente affidabile persino oggetti molto scuri, altamente riflettenti, molto sottili o trasparenti. Inoltre, W4F può fornire informazioni sulla distanza, ad esempio, sull’altezza degli oggetti, consentendo così di riconoscere errori di posizionamento.

I primi clienti confermano come il sensore fotoelettrico sul mercato, sia il più immune ad ogni tipo di luce ambientale. Il concetto di comando Blue-Pilot e le innovative possibilità di monitoraggio rendono l’impostazione e il monitoraggio del sensore estremamente semplice. Tutto questo consente di risparmiare tempo durante la messa in servizio. Inoltre, IO-Link e le nuove funzioni intelligenti per il monitoraggio e la diagnostica del sensore creano il collegamento con il mondo delle macchine e applicazioni digitalizzate. In sintesi, W4F consente prestazioni massime in uno spazio minimo, funzionalità di commutazione affidabili e prestazioni garantite.

La W4F nella robusta custodia Vistal offre funzioni e performance, precedentemente disponibili solo nelle famiglie di prodotti Sick W16 e W26, come il concetto operativo Blue Pilot. Pertanto, anche i sensori fotoelettrici miniaturizzati NextGen offrono il collaudato sistema di visualizzazione dello stato attraverso dei led, un’uniformità che semplifica notevolmente per gli utenti il comando e la messa in servizio dei sensori.

Un nuovo Asic per puntare alle prestazioni

Con W4F Sick è riuscita ad ottenere un considerevole aumento di prestazioni per le fotocellule miniaturizzate, fino al 47% in più di distanza di lavoro rispetto alla famiglia di prodotti precedente e il 38% in meno di sensibilità alla variazione tra oggetti chiari e scuri o di colori molto diversi. Questo vale anche per il riconoscimento attivo e la conseguente soppressione di interferenze ottiche in prossimità della macchina. L’elevata resistenza alle interferenze si ottiene mediante un Led integrativo, utilizzato per la prima volta in sensori di questo tipo. La soppressione dello sfondo della W4F, notevolmente superiore ad altri prodotti presenti sul mercato, garantisce un funzionamento continuo della macchina, senza interferenze provenienti dall’ambiente circostante.

Alla base di queste prestazioni vi è lo sviluppo di un nuovo chip Asic. Questo consente di attivare contemporaneamente sia i Led di emissione pin-point, molto più intensi, che il Led di controllo dello sfondo, senza che il sensore si riscaldi in modo anomalo. In tal modo i sensori raggiungono una sensibilità molto elevata, offrendo distanze di lavoro più ampie e garantendo immunità ai disturbi provenienti dallo sfondo generico e un rilevamento affidabile, anche nel caso di oggetti scarsamente riflettenti. I filtri digitali del nuovo processore Asic garantiscono la migliore soppressione della luce ambientale e la possibilità di rilevare dati sulla posizione dell’oggetto e di diagnostica utili per la manutenzione predittiva. Sono disponibili informazioni come temperatura, ore di esercizio e stato dell’ottica.

Optical Standard, Optical Experts

La gamma di prodotti W4F è divisa in due livelli applicativi, Optical Standard per tutte le lavorazioni comuni dove viene richiesta una elevata affidabilità e Optical Experts, per tutte le applicazioni altamente sfidanti dove ad oggi non esiste una soluzione semplice e completa.

I sensori Optical Standard, che comprendono lo sbarramento a portate elevate, la versione a riflettore e alcune versioni a soppressione dello sfondo, offrono tutti i vantaggi della nuova generazione di W4F con un minimo ingombro. Una delle fotocellule di prossimità, la versione “narrow beam”, offre un’ottica focalizzata con spot simile al laser ed una tenuta del segnale su tutti i materiali, anche ad angolazione oltre i 45° di incidenza. Questo sensore è in grado, inoltre, di rilevare anche oggetti molto scuri con meno dell’1% di ritorno di luce.

Nel caso di applicazioni molto difficili e sfidanti, gli utenti possono fare affidamento sugli Optical Experts. Questi sensori sono stati sviluppati da Sick per applicazioni complesse. La WTV4FD, variante con ottica a V, grazie al suo punto luminoso simile ad un laser e alla sua ottica a V, rileva oggetti fortemente riflettenti o trasparenti come specchi, alluminio, display o boccette di vetro per il settore farmaceutico. Per riconoscere con precisione oggetti anche inferiori ad 1 millimetro di spessore e riflettenti, Sick propone la WTF4FD, una fotocellula con due Led e una potente soppressione del primo piano. Un sensore fotoelettrico, la WTB4FT Double Line, con due Led ad emissione a lama, garantisce un segnale di presenza stabile, anche se gli oggetti presentano fori, riflettenze e profili altamente irregolari.

La versione multisoglia è disponibile con misura della distanza via IO-Link oppure con due soglie digitali indipendenti. Queste consentono di verificare il montaggio corretto dei componenti durante i processi di assemblaggio, o guidare con più sicurezza l’avvicinamento di un robot ad un oggetto di presa. Durante il confezionamento di alimenti i sensori riescono a distinguere la posizione degli imballi, segnalano livelli di riempimento o monitorano il diametro della pellicola, del materiale da imballaggio o di rotoli di etichette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.