Nasce a Bolzano la Live Demo Human to Machine: tecnologie 4.0 e interazione uomo-macchina

Robot collaborativi che assistono l’uomo nell’assemblaggio, dispositivi indossabili (wearables) per la gestione delle operazioni, mezzi a guida autonoma per la movimentazione dei materiali: un vero e proprio laboratorio meccatronico per dimostrare e sperimentare tutte le potenzialità dell’interazione uomo-macchina su un ciclo produttivo reale. Con questo obiettivo nasce a Bolzano la Live Demo “Human to Machine”, realizzata da Smact Competence Center e Libera Università di Bolzano e inaugurata negli spazi del Noi Techpark, l’hub dell’innovazione dell’Alto Adige la cui mission è proprio favorire il trasferimento tecnologico tra ricerca e imprese.

L’inaugurazione della Live Demo di Bolzano si è svolta oggi. L’evento si è aperto con i saluti di Hubert Hofer, vicedirettore del Noi Techpark, di Paolo Lugli, rettore della Libera Università di Bolzano e di Massimo Guglielmi, presidente di Smact. La professoressa Angelika Peer, dell’Università di Bolzano, ha introdotto i contenuti della Live Demo e il tema “Human to Machine”. A seguire una tavola rotonda ha fatto il punto sui “Nuovi paradigmi industriali per il territorio”, con gli interventi di Johannes Brunner, Noi Techpark, Johann Gamper, Libera Università di Bolzano, Klaus Mutschlechner, Assoimprenditori Alto Adige, Matteo Caffini, Microtec e Matteo Faggin, Smact Competence Center.

Quella di Bolzano è l’ultima, in ordine di tempo, delle cinque Live Demo che Smact ha realizzato in tutte le regioni del Triveneto per diffondere le tecnologie 4.0 nei territori e segue quelle già operative in Friuli Venezia Giulia, a Verona, a Rovereto e a Padova.

Human to Machine

Le Live Demo del Trentino – Alto Adige si concentrano sul settore manifatturiero e della meccatronica, quella che viene definita la “Fabbrica 4.0”. Se Rovereto mette al centro l’integrazione e le interazioni tra macchine, Bolzano si focalizza sull’integrazione e la cooperazione tra le attività degli operatori e le funzionalità fornite da macchinari attraverso l’applicazione di tecnologie 4.0.

L’obiettivo della Live Demo è mostrare un ciclo produttivo completo in ambito manifatturiero: in particolare, qui viene simulata una linea di assemblaggio di bilance domestiche. Semplificazione del lavoro per gli operatori, soluzioni di waste management e riduzione degli errori, efficientamento della produttività: ecco i vantaggi delle tecnologie innovative che vengono presentate in questo spazio.

Tra queste sono presenti un Sistema AGV (Autonomous Ground Vehicle) integrato con un braccio robot per la movimentazione del materiale, una stazione di assemblaggio cooperativo con braccio robot e sistema di visione con riconoscimento, dispositivi wearable come smartwatch per gli operatori per la gestione dei compiti e lettori ergonomici di codici a barre/QR, ma anche una stazione di test di fine linea con sistema di visione con riconoscimento e guida multimodale laser e una stampante di circuiti elettronici. Il tutto è integrato in un sistema di controllo e monitoraggio basato su feedback degli operatori e delle macchine.

Vere e proprie “fabbriche scuola”

Le Live Demo Smact, quindi, sono vere e proprie “fabbriche scuola” che permettono di vedere e toccare con mano casi di utilizzo delle nuove tecnologie per la messa in pratica della digitalizzazione, in uno spazio di technology transfer innovativo dedicato a imprenditori e operatori da un lato e ricercatori e tech provider dall’altro. Al loro interno progetti basati su tecnologie come Intelligenza artificiale, Internet of Things, Big Data, Cloud Computing, Digital Twin.

“Con Bolzano giunge a compimento la realizzazione del progetto ambizioso di Smact di portare le Live Demo in tutte le regioni del Nordest” ha commentato in una nota il professor Massimo Guglielmi, presidente del consiglio di gestione del Competence Center. “In questi dimostratori il potenziale della digital transformation diventa concreto, tangibile, ed è a disposizione delle aziende che possono valutarne l’impatto su processi e prodotti e formarsi alle nuove tecnologie. Qui, in particolare, mostriamo come, grazie all’interazione tra uomo e smart machine, i processi diventano più fluidi e adattivi, consentendo alle aziende ad esempio di concentrare i lavoratori sulle azioni più complesse, lasciando alle macchine quelli usuranti o ripetitivi. Le tecnologie che qui vengono dimostrate nella loro applicazione, grazie al contributo della Libera Università di Bolzano e di tutti i partner coinvolti, potranno andare a beneficio del territorio e in particolare del suo ricco tessuto di PMI”.

“Il consorzio Smact, nato anni fa nell’ambito del programma del Mise “Industria 4.0” è stato uno dei rari esempi virtuosi di collaborazione su un progetto comune delle università e imprese del Nord-est” ha dichiarato il rettore della Libera Università di Bolzano Paolo Lugli. “Con la inaugurazione della Live Demo presso il Noi Techpark si completa questo percorso con l’offerta, da parte di Unibz, di un laboratorio aperto alle imprese sulle tecnologie abilitanti per l’interazione uomo-macchina”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniela Garbillo

Giornalista pubblicista con 30 anni di esperienza di redazione, coordinamento e direzione maturata presso case editrici, gruppi e associazioni in diversi settori, dalle tecnologie innovative alle energie rinnovabili, dall'occhialeria al beauty, all'architettura. All'attivo anche importanti esperienze in comunicazione, organizzazione di eventi e marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.