Mercati

Per il settore meccanico un 2024 di sofferenza: l’indagine di Anima Confindustria

Un’indagine condotta da Anima Confindustria prevede una contrazione dei ricavi per il 50% delle aziende del settore meccanico nel 2024, con il 23% delle società che anticipa un calo superiore al 5% nel primo trimestre dell’anno.

Pubblicato il 18 Gen 2024

meccanica

Il panorama che si profila per il settore meccanico italiano nel primo trimestre del2024 è tutt’altro che roseo secondo i dati raccolti da Anima Confindustria, la metà delle imprese associate prevede un calo dei fatturati.

Un’indagine condotta da Anima Confindustria rivela che, nel 2024, si prevede una contrazione dei ricavi per metà delle aziende del settore meccanico.

Il 23% delle società interpellate prevede un decremento superiore al 5% nel primo trimestre dell’anno, mentre per il 26% di esse la contrazione sarà inferiore al -5%.

Le aspettative sono simili anche per gli ordini: rispetto al primo trimestre del 2023, più della metà delle imprese si attende un decremento degli ordini superiore al 10%.

Secondo l’Ufficio Studi di Anima, le problematiche logistiche nell’area del Mar Rosso e l’insistenza sui tassi di interesse elevati da parte della BCE potrebbero causare un incremento dei costi delle materie prime.

La preoccupazione di Nocivelli

Marco Nocivelli, presidente di Anima Confindustria, ha espresso così la sua preoccupazione: “Siamo preoccupati. Se il 2023 ha fatto registrare numeri al ribasso nell’industria meccanica rappresentata da Anima, per la prima volta dopo molto tempo, il 2024 parte in calo. In una situazione di mercato globale in rallentamento per via delle tensioni geopolitiche, diventa improrogabile il rafforzamento delle politiche industriali volte a sostenere la manifattura. Solo restituendo fiducia negli investimenti e proponendo piani strutturali si potrà aiutare la meccanica ad attraversare con successo questa fase storica e riprendere il trend di crescita. Per questo, come Anima, confidiamo nella prossima messa in opera da parte del governo del Piano Transizione 5.0, che sostenga le imprese verso lo sviluppo innovativo e consenta un’accelerazione della transizione sostenibile dell’industria. Auspichiamo inoltre una maggiore distensione nel contesto geopolitico, che potrebbe influenzare positivamente l’intera economia mondiale”.

Valuta la qualità di questo articolo

Redazione

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e si è affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è una testata del Network Digital360 diretta da Franco Canna

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 4