Ecco come Bosch Rexroth supporta le imprese manifatturiere nelle sfide connesse al paradigma Industria 5.0

Luca Fanoni, manager di Bosch Rexroth Italia, è stato protagonista dell’edizione 2023 dell’Industry 4.0 360 Summit dedicata ai nuovi imperativi dell’industria manifatturiera: “Il nostro obiettivo imprescindibile è la sostenibilità declinata in chiave sociale, economica ed ambientale”. Ecco come l’azienda supporta le imprese manifatturiere nelle sfide connesse al paradigma Industria 5.0

Pubblicato il 31 Mar 2023

rexroth

Sostenibilità, resilienza e umanocentrismo. Sono questi i tre capisaldi di Industria 5.0, il nuovo paradigma volto ad indicare la prossima rivoluzione industriale, questa volta finalizzata a porre al centro del processo di produzione il benessere del lavoratore da perseguire in un’ottica di massimo rispetto ambientale e sociale. Si tratta di una fisiologica evoluzione del modello precedente, cioè Industria 4.0, o di un reale sovvertimento di una filosofia di recente diffusione e oltretutto non ancora universalmente applicata nel mondo del manufacturing?

Anche di questo si è recentemente discusso in occasione di “Industry 4.0 360 Summit“, edizione 2023 dell’evento full digital organizzato dalle testate facenti parte del Network Digital 360. Coprotagonista di due delle sessioni previste dal format del webinar è stato Luca Fanoni, Head of Sales End Users di Bosch Rexroth Italia.

Obiettivo sostenibilità

Il manager della società leader nel settore dell’automazione industriale ha esordito ricordando come il Gruppo Bosch nella sua interezza abbia come obiettivo imprescindibile la sostenibilità, declinata in chiave sociale, economica e ambientale. Su quest’ultimo fronte, ha sottolineato Fanoni, “il nostro impegno volto a ridurre le emissioni di CO2 ha portato tutte le società del Gruppo ad essere da tempo carbon neutral”.

“Tutto ciò che sviluppiamo – ha aggiunto – avviene in un’ottica di sostenibilità energetica, è concepito nel rispetto di un modello di economia circolare ed è basato su processi certificati“.

L’uomo al centro

Per ciò che concerne l’antropocentrico, uno dei pilastri di Industria 5.0, Fanoni ha evidenziato come il concetto in Bosch Rexroth sia già stato recepito e metabolizzato: “L’essere umano ha due caratteristiche che lo rendono speciale, vale a dire l’intelligenza e la flessibilità, e noi stiamo sviluppando tecnologie in grado di esaltare queste qualità. La nostra visione punta a fare in modo che la capacità decisionale dell’uomo sia il più possibile supportata“.

In che modo? “Le nostre piattaforme tecnologiche sono progettate per far sì che i dati provenienti da macchine diverse e da impianti differenti siano estrapolati nella maniera più aperta possibile, aggregati e portati verso l’alto, cioè dove alberga il decision making, il contesto in cui le persone compiono le scelte risolutive“. “Ciò sottintende – questa la chiosa di Fanoni sull’argomento – che Bosch Rexroth rimane orientata sull’aspetto hardware del proprio business, ma con un pensiero sempre più prospettico in tema software“.

Attenzione alle reali esigenze del cliente

Presente anche tra i relatori che hanno partecipato alla prima delle tavole rotonde allestite nel corso dell’evento, quella dedicata a “La fabbrica integrata ed efficiente”, Fanoni ha spiegato come Bosch Rexroth stia spingendo sull’integrazione tra ambienti IT e OT, così da conferire all’impresa la necessaria flessibilità. “Sono convinto – ha detto – che la chiave di volta risieda nel coniugare in modo semplice l’innovazione con ciò che già c’è di valido“.

A titolo di esempio, portato a supporto della sua tesi, ha raccontato: «Un noto utilizzatore finale nostro cliente ha avvertito l’esigenza di dotarsi di soluzioni di robotica mobile. Le abbiamo implementate con successo al termine di un percorso condiviso  e limitando al massimo l’impatto sul set-up produttivo”.

Il manager di Bosch Rexroth ha infine precisato: “La robotica mobile deve avere come peculiarità la capacità di collaborare con l’operatore, sono le macchine a doversi adattare al comportamento dell’uomo, due caratteristiche di cui è dotata l’intera gamma dei nostri cobot”.

L’azienda

Bosch Rexroth, uno dei principali fornitori di tecnologie Drive & Control a livello mondiale, assicura una movimentazione efficiente, potente e sicura nelle macchine e nei sistemi di ogni dimensione. L’azienda coniuga l’esperienza nelle applicazioni globali nei segmenti di mercato delle applicazioni mobili, delle applicazioni e dell’engineering per macchine e dell’automazione delle fabbriche. Con componenti intelligenti, soluzioni e servizi di sistema personalizzati, Bosch Rexroth crea l’ambiente necessario per applicazioni con connettività totale. Bosch Rexroth offre ai propri clienti idraulica, tecnologia di azionamento e controllo elettrico, tecnologia ad ingranaggi e tecnologia di motion lineare e di assemblaggio, inclusi software e interfacce con l’Internet delle cose. Con sedi in oltre 80 paesi, oltre 31.000 collaboratori hanno generato ricavi dalle vendite pari a circa 6,2 miliardi di euro nel 2021.

Ulteriori informazioni al sito www.boschrexroth.com

Valuta la qualità di questo articolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato

I contenuti sponsorizzati rappresentano uno dei metodi più efficaci per promuovere sui siti editoriali il proprio brand e le caratteristiche dei prodotti/servizi offerti. Per conoscere costi e condizioni, visita la nostra pagina dedicata www.innovationpost.it/advertising

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 3